Walt Whitman: biografia, poesie e opere

Walt Whitman: biografia, poesie e opere A cura di Teresa Bosica.

Vita e opere di Walt Whitman, poeta e scrittore statunitense. Tra i suoi libri ci sono Foglie d'erba, Canto di me stesso, O capitano! Mio capitano!

1Biografia e opere di Walt Whitman

Walt Whitman
Walt Whitman — Fonte: getty-images

Walt Whitman nacque nel 1819 a Long Island, New York (USA) in una famiglia di umile estrazione. Gli antenati di suo padre erano olandesi, sua madre invece era di origine inglese. In seguito la famiglia Whitman si trasferì a Brooklyn, un distretto di New York, che in quegli anni stava poco a poco diventando un quartiere cosmopolita.   

All’età di undici anni, Whitman fu costretto a lasciare la scuola e a lavorare come fattorino e in seguito come apprendista tipografo per contribuire al bilancio familiare. All’età di diciassette anni iniziò a lavorare come insegnante, un lavoro che non lo soddisfaceva, successivamente riuscì a realizzare la sua ambizione di entrare nel mondo del giornalismo e nel 1835 fu nominato editore del Long Islander. Tuttavia, Whitman aveva idee radicali riguardo i diritti delle donne e l’immigrazione, per questo motivo non mantenne mai il suo posto di lavoro a lungo.   

Nel 1948 si trasferì a New Orleans, dove lavorò come editore del Crescent, ma solo per tre mesi, infatti, qui per la prima volta si rese conto del problema della schiavitù e della sua crudeltà. Ritornò a New York, dove fondò un giornale, il Brooklyn Freeman, attraverso cui prese parte al dibattito sulla schiavitù e cominciò ad appuntare su dei taccuini le sue idee e osservazioni sulle esperienze di viaggio attraverso il continente, che poi trovarono spazio nella sua produzione poetica. 

Whitman fu anche influenzato dalla lettura di grandi poeti e scrittori come William Shakespeare, Daniel Defoe e Charles Dickens, e i suoi contemporanei americani come Ralph Waldo Emerson. Nel 1855 pubblicò la prima edizione della sua prima raccolta poetica, Leaves of Grass (Foglie d’Erba), cui sono seguite altre nove edizioni, pubblicate nel corso della vita del poeta, che ogni volta vi ha aggiunto ulteriori poesie. Nonostante l’ammirazione di Emerson, l’opera di Whitman non ottenne alcun successo commerciale e non fu apprezzata negli Stati Uniti.  

La vita personale di Whitman era molto difficile, infatti, il poeta doveva supportare economicamente la sua famiglia, due dei suoi fratelli erano alcolizzati, come lo era stato suo padre, e un altro soffriva di disturbi mentali. 

Allo scoppio della guerra civile americana nel 1861, la sua situazione familiare peggiorò, infatti, suo fratello George fu ferito durante la battaglia di Fredericksburg (Virginia) nel 1862, quindi Whitman si trasferì a Washington per assistere il fratello e nel tempo libero decise di aiutare i soldati feriti negli ospedali, portando loro denaro e cibo donato da famiglie caritatevoli e scrivendo per loro lettere ai familiari. 

Guerra civile americana - Battaglia di Fredericksburg, 1862
Guerra civile americana - Battaglia di Fredericksburg, 1862 — Fonte: getty-images

Il poeta sosteneva la causa delle forze unioniste, ma simpatizzava con le sofferenze sia dei soldati unionisti sia dei soldati confederati; il suo pessimismo si intensificò con l’uccisione del Presidente Lincoln proprio nel momento della vittoria degli stati federali (1865). Negli anni del dopoguerra, il poeta fu deluso dalla corruzione che imperversava in politica e negli affari, ma continuò a sostenere la causa della democrazia e a confidare nella ripresa del paese.  

Nel 1860 pubblicò la terza edizione di Leaves of Grass, che raccolse consensi a livello locale, ma l’introduzione nella raccolta di una sezione intitolata Calamus, creò allarmismo tra i puritani che interpretarono questa parte del libro come una celebrazione dell’amore omosessuale.  

Nel 1865 fu licenziato dal ministero dell’interno perché uno dei suoi superiori disapprovava le sue poesie, questo evento, però gli fece conquistare il supporto di molti intellettuali inglesi che lo paragonarono al grande poeta romantico William Blake

Nello stesso anno pubblicò anche la raccolta Drum-Taps, in cui raccontò l’esperienza dei soldati durante la guerra civile, e compose un’elegia sulla morte di Lincoln intitolata When Lilacs Last in the Dooryard Bloom’d (Quando i Lillà Fiorirono l'Ultima Volta sulla Porta del Giardino), che fu poi inclusa nella quarta edizione di Leaves of Grass (1867). 

Abraham Lincoln: 16° Presidente degli Stati Uniti d'America
Abraham Lincoln: 16° Presidente degli Stati Uniti d'America — Fonte: getty-images

Nel 1872 si ammalò e andò a vivere a Camden (New Jersey) in casa del fratello dove, continuò a scrivere e pubblicare le successive edizioni di Leaves of Grass e opere in prosa come Memoranda During the War (1876), una testimonianza diretta della guerra civile basata sulle annotazioni quotidiane che il poeta scriveva sul suo diario. Morì nel 1892

Walt Whitman, considerato il padre della poesia americana, esercitò una grande influenza sui poeti statunitensi delle generazioni future, in particolare Ezra Pound, che scrisse anche un tributo in suo onore, e i poeti della Beat Generation

2Leaves of Grass - Foglie d’erba: temi e analisi

Durante l’epoca vittoriana in Inghilterra la poesia non era più un genere letterario popolare come durante il romanticismo, il romanzo prese il sopravvento e diventò l’unico mezzo efficace per parlare al popolo. Oltre l’Atlantico invece, ci fu una rinascita della poesia e i rappresentanti più importanti di questo genere in America, furono due poeti diametralmente opposti tra loro: Walt Whitman ed Emily Dickinson

Mentre la poesia di Emily Dickinson era più intimistica, quella di Whitman era concepita come un viaggio infinito tra i grandi spazi americani che avrebbe unito le diverse voci del paese, e Whitman era la voce dell’America. Le sue poesie, talvolta controverse a causa della brutale onestà con cui il poeta affrontava temi delicati come l’amore, il sesso e le questioni politiche, sono raccolte in un volume intitolato Leaves of Grass (Foglie d’Erba) cui il poeta lavorò per tutta la vita. 

Foglie d'erba: copia della prima edizione della raccolta di poesie di Whitman
Foglie d'erba: copia della prima edizione della raccolta di poesie di Whitman — Fonte: getty-images

La prima edizione, pubblicata nel 1855, conteneva solo dodici poesie, seguirono altre nove edizioni e ogni volta Whitman aggiunse ulteriori componimenti poetici fino ad arrivare a un totale di circa trecento poesie nell’ultima edizione

Secondo alcuni critici la continua evoluzione di Leaves of Grass è legata intimamente all’idea che Walt Whitman aveva di se stesso come voce e “cronista” d’America, come se la sua grande ambizione fosse di rappresentare tutti gli aspetti di questo immenso paese: la terra stessa, la sua gente, i suoi paesaggi. Per lui il suo paese era l’espressione perfetta dell’idea di democrazia, era l’incarnazione del “sogno americano” in cui credeva fermamente.  

Un altro tema importante della raccolta è il poeta stesso con le sue emozioni, i suoi sentimenti e le sue percezioni. Per Whitman il poeta è come un profeta, il suo compito è di essere il portavoce dell’uomo comune e dell’intera nazione. Egli celebrò anche l’amore fisico, il corpo di uomini e donne in un modo così franco e diretto da scandalizzare i lettori puritani che lo consideravano immorale.  

Whitman fu il fondatore della tradizione poetica americana, fu un innovatore e in un certo senso fu un poeta sperimentale; egli credeva che la poesia degli Stati Uniti d’America dovesse essere libera da regole e restrizioni e preferì usare il verso libero (free verse) per esprimere le proprie idee, senza un numero fisso di sillabe e accenti.  

Anche il linguaggio usato era innovativo, infatti, mescolava il dialetto, il linguaggio della vita quotidiana, lo slang, ma anche il gergo scientifico e filosofico. Evitò l’uso di metafore e similitudini, perché secondo Whitman lo scopo del poeta non è di evocare, ma asserire e celebrare.  

3O Captain, My Captain!: analisi

O capitano, Mio capitano!: manoscritto di Whitman
O capitano, Mio capitano!: manoscritto di Whitman — Fonte: getty-images

Una delle poesie più popolari di Walt Whitman è O Captain, My Captain! (O capitano, Mio capitano!), pubblicata per la prima volta nel 1866 nella raccolta Sequel to Drum Taps, che seguì la raccolta Drum Taps, pubblicata nel 1865, in cui il poeta esprime la sua felicità per l’abolizione della schiavitù e celebra la democrazia e l’integrità della nazione cui il Presidente Abraham Lincoln aveva contribuito. Entrambe queste raccolte furono poi incluse nella quarta edizione di Leaves of Grass (1867).   

O capitano! Mio capitano! fu composta dopo che John Wilkes Booth assassinò il Presidente Lincoln il 14 aprile 1865, appena cinque giorni dopo la fine della guerra civile. La poesia non parla chiaramente del presidente Lincoln, ma fa continui riferimenti metaforici a questo evento storico che ha sconvolto il paese.   

I funerali di Abraham Lincoln
I funerali di Abraham Lincoln — Fonte: getty-images

Il poeta dice che la nave, dopo un lungo e difficile viaggio, è finalmente tornata a casa sana e salva grazie alla guida del suo capitano. La gente celebra questo ritorno a casa, ma il poeta rivela che il corpo del capitano morto si trova sul ponte della nave; il poeta implora il capitano di svegliarsi e di ascoltare le campane e la gente che esulta e celebra il loro ritorno e la loro vittoria, ma il capitano è privo di vita e il poeta piange la sua morte

Le metafore nella poesia sono chiare: la nave che torna vittoriosa a casa rappresenta gli Stati Uniti d’America appena usciti dalla guerra civile; l’ambito premio rappresenta la vittoria delle forze dell’Unione contro gli stati confederati; il viaggio tremendo rappresenta la guerra civile; il capitano è il Presidente Lincoln che ha portato il paese alla vittoria ed è considerato il simbolo della democrazia americana.  

Walt Whitman e Pete Doyle
Walt Whitman e Pete Doyle — Fonte: getty-images

O capitano! Mio capitano! è l’unica poesia di Walt Whitman ad avere uno schema metrico regolare, poiché egli preferiva scrivere in versi liberi (free verse), senza seguire le rigide regole della metrica.

La poesia si compone di tre strofe, ogni strofa è composta di otto versi con il seguente schema metrico: AABBCDED; i primi quattro versi di ogni strofa sono più lunghi degli ultimi quattro. Uno dei motivi per cui Whitman rispettò una struttura poetica tradizionale in questa poesia, potrebbe essere che, trattandosi di un’elegia per la morte di un grande uomo, egli abbia voluto conferire alla poesia una maggiore solennità.