Voto maturità 2018: come si ottiene il bonus di 5 punti

Di Maria Carola Pisano.

Bonus di 5 punti: tra requisiti e punteggi minimi. Ecco quando la commissione lo assegna per il voto maturità 2018

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

VOTO MATURITA' 2018

Voto maturità 2018: come vengono assegnati i 5 punti bonus
Voto maturità 2018: come vengono assegnati i 5 punti bonus — Fonte: istock

Gli studenti di quinta superiore si sono lasciati alla spalle gli scritti di maturità 2018: in molti conoscono già i punteggi conseguiti per la prima, la seconda e la terza prova. A mancare all'appello è solo l'esame orale, ma sono ufficialmente cominciati i pronostici sul voto a cui possono aspirare (a seconda di come andrà il colloquio multidisciplinare). Come sappiamo la votazione per l'orale si esprime in trentesimi e la sufficienza è fissata a 20/30.

VOTO MINIMO ORALE MATURITA'

Da una parte troviamo gli studenti che partono da ottimi punteggi e vogliono capire quanto prendere all'orale di maturità 2018 per arrivare a un voto di almeno 90/100, altri sono invece preoccupati perché non sanno se riusciranno ad arrivare alla votazione minima di 60/100. Per chi è preoccupato per il voto del colloquio, sappiate che non esiste un voto minimo ma che, conoscendo la vostra situazione, difficilmente i professori vi metteranno in difficoltà. Il nostro consiglio è di curare al massimo l'esposizione e argomentare con cura i collegamenti multidisciplinari della tesina: la commissione ne rimarrà impressionata!

CREDITI MATURITA': QUANDO SI HA DIRITTO AI 5 PUNTI BONUS

In questo disperato tentativo di calcolare il voto massimo di maturità, gli studenti brancolano nel buio per quanto riguarda i famosi 5 punti di bonus. Ci dispiace informarvi che non vengono concessi a tutti indistintamente. I punti di bonus sono a discrezione della commissione e, per assegnarli, devono tenere conto di due requisiti necessari:

  • In fase di ammissione all'esame il candidato deve aver almeno 15 crediti scolastici
  • Il maturando deve aver totalizzato un punteggio di almeno 70 nelle prove d'esame (scritti e orale)

Se hai bisogno di ottenere ben più della sufficienza al colloquio per non essere bocciato, ecco tutti i dettagli che non puoi trascurare per l'orale di maturità:

  • L'esposizione della tesina: non è sufficiente che sia scritta bene, devi curare anche l'esposizione e dimostrare di essere sicuro di te
  • I collegamenti tra le materie: Devi argomentare con chiarezza i collegamenti multidisciplinari e dimostrare di aver sviluppato uno spirito critico
  • Soluzioni delle prove scritte: una parte del colloquio è destinata alla discussione degli scritti e, per farlo, è necessario conoscere le soluzioni