Violenza sulle donne e femminicidio in Italia: i dati 2020 e 2021

Di Veronica Adriani.

Dati aggiornati del 2020 e 2021 su violenza sulle donne e femminicidio. Approfondimento per temi, compiti in classe, ricerche, relazioni e link ad altre risorse

Violenza sulle donne

Quali sono i dati delle violenze sulle donne e dei femminicidi nel 2020-2021?
Quali sono i dati delle violenze sulle donne e dei femminicidi nel 2020-2021? — Fonte: getty-images

Secondo l'ultimo report del Servizio Analisi criminale della Direzione centrale della polizia criminale - risalente a Settembre 2021 - le violenze sulle donne e i femminicidi stanno seguendo un trend di risalita, dopo una serie di anni positivi in cui questo tipo di crimini aveva subito una battuta di arresto.

Alle 81 vittime di sesso femminile che erano state registrate da gennaio a settembre 2021 ne vanno aggiunte delle altre: sono 103 allo stato attuale le donne uccise quest'anno, di cui 87 uccise in ambito familiare/affettivo. In particolare, 60 sono state uccise dal partner o dall’ex partner.

Ma cosa si intende per femminicidio? Dove trovare i dati? Come se ne può parlare?

Violenza sulle donne: i dati

Dei dati del servizio analisi criminale abbiamo parlato poco fa. Ma dove si possono trovare ulteriori approfondimenti a livello numerico sul tema?

Violenza sulle donne: dati 2020

Abbiamo detto in apertura che il dato dei femminicidi, già drammatico, torna a salire nel 2021. In verità la situazione deve essere letta con un occhio ancora più attento, quando si nota che il numero degli omicidi in realtà è in discesa, mentre sono le vittime di sesso femminile a salire. E che durante la pandemia - specie nella fase di lockdown - le chiamate al numero antiviolenza 1522 nel 2020 sono quasi raddoppiate rispetto all'anno precedente.

Il maggior numero di telefonate si è registrato a partire da fine marzo 2020, in piena emergenza Covid-19, con picchi ad aprile (+176,9% rispetto allo stesso mese del 2019) e a maggio (+182,2 rispetto a maggio 2019). Picchi altissimi soprattutto in occasione del 25 novembre. Nel 2020, questo picco, sempre presente negli anni, è stato molto più alto dato che, nella settimana tra il 23 e il 29 novembre del 2020, le chiamate sono più che raddoppiate (+114,1% rispetto al 2019).

Violenza sulle donne: dati 2021

Comparando i due anni che ci interessano - 2020 e 2021 - notiamo che:

  • Gli omicidi diminuiscono leggermente nel 2021 (-2%), passando da 251 a 247
  • Aumentano le vittime di genere femminile del 6 per cento, passando da 97 a 103
  • Gli omicidi avvenuti in ambito familiare/affettivo crescono (+2%), passando da 124 a 127
  • Le vittime di genere femminile, in questo caso, sono passate da 83 nel periodo 1 gennaio – 7 novembre 2020, a 87 l'anno precedente, per un totale del +5%
  • Crescono del +5% le vittime di partner o ex partner, che passano da 57 a 60.

Terminologia

Ogni anno, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, si torna a chiedersi se abbia senso parlare di femminicidio, e cosa significhi esattamente questo termine.

Cos'è il femminicidio

A fare la differenza fra omicidio e femminicidio è proprio la variante del genere: il femminicidio evidenzia tutti quegli omicidi che vengono perpetrati a danno delle donne in quanto donne. La variabile del genere, insomma, è anche il movente dell'omicidio, la causa ultima. Ecco perché nella stragrande maggioranza dei casi si parla di omicidi perpetrati da uomini verso le donne: perché il possesso, la gelosia, la mortificazione psicologica o sessuale, sono caratteristiche che non possono prescindere dalla cultura che le ha generate: patriarcato e maschilismo sono quindi altri due termini che entrano a pieno titolo nel dibattito sul femminicidio.

Forme di violenza contro le donne

Quando si parla di violenza contro le donne non si deve intendere unicamente la violenza fisica. Ci sono varie forme di violenza, di uguale gravità, come riporta la pagina dedicata sul sito di Dire - Donne in rete contro la violenza.

  • Violenza fisica: l’uso di qualsiasi atto guidato dall’intenzione di fare del male o terrorizzare la vittima. Ad essa si legano i reati di percosse, lesioni personali, violenza privata, violazione di domicilio, sequestro di persona.
  • Violenza sessuale: Comprende l’imposizione di pratiche sessuali indesiderate o di rapporti che facciano male fisicamente e che siano lesivi della dignità, ottenute con minacce di varia natura.
  • Violenza psicologica: Racchiude ogni forma di abuso che lede l’identità della donna (attacchi verbali, gelosia ossessiva, minacce, violenza su animali cari alla donna o figli, danneggiamento di oggetti di proprietà della vittima).
  • Violenza economica: Si ha quando l'uomo mette in difficoltà economica la vittima, ad esempio negandole l'accesso al denaro o appropriandosi dei suoi risparmi, ostacolandole il lavoro fuori casa, non adempiere al mantenimento ove stabilito per legge.
  • Stalking: Comportamento controllante messo in atto dal persecutore nei confronti della vittima da cui è stato rifiutato.

Violenza sulle donne e femminicidio: appunti e risorse

Come parlare all'interno di un tema, una ricerca, un report o un saggio, di violenza sulle donne e femminicidio? da dove partire? Come strutturare il discorso?

Vediamo qualche risorsa utile.

Temi svolti e saggi sulla violenza sulle donne

Temi svolti per parlare di violenza sulle donne e femminicidio:

Approfondimenti storici

Violenza sulle donne e personaggi storici: ecco qualche spunto per approfondire.

  • Le sorelle Mirabal
    Tre coraggiose rivoluzionarie massacrate nel 1960
  • Beatrice Cenci
    Eroina moderna conosciuta anche come "la vergine romana", famosa per essere stata giustiziata come mandante dell’omicidio del padre violento
  • Antigone
    Protagonista della tragedia di Sofocle, condannata a morte per aver dato sepoltura al fratello
  • Artemisia Gentileschi
    Prima pittrice caravaggesca, autrice di Giuditta che decapita Oloferne, vissuta tra Roma e Napoli. Stuprata da Agostino Tassi, lo denunciò.