Uscita da scuola, approvate le nuove norme per i minori di 14 anni

Di Veronica Adriani.

Approvata in via definitive le norme del MIUR sull'uscita da scuola per i minori di 14 anni: valide le liberatorie dei genitori

USCITA DA SCUOLA MINORI 14 ANNI: APPROVATE LE NORME

Grande soddisfazione per l'approvazione delle nuove norme sull'uscita da scuola dei minori di 14 anni per la ministra Valeria Fedeli
Grande soddisfazione per l'approvazione delle nuove norme sull'uscita da scuola dei minori di 14 anni per la ministra Valeria Fedeli — Fonte: getty-images

Approvate definitivamente le nuove norme sull’accompagnamento dei minori di 14 anni previste dalla legge di conversione del cosiddetto decreto legge fiscale.

Da oggi, i genitori dei ragazzi potranno legittimamente autorizzare le scuole a consentire l'uscita autonoma degli studenti al termine delle lezioni nell'ambito di un processo di autoresponsabilizzazione. Il personale scolastico, inoltre, sarà esonerato dalla responsabilità connessa all'adempimento dell'obbligo di vigilanza oltre l'orario scolastico.

MINISTRO FEDELI: EQUILIBRIO TRA DIVERSE ESIGENZE

Grande soddisfazione è stata espressa da Valeria Fedeli per essere riusciti a conciliare, con questa norma, diverse esigenze "tutte irrinunciabili e di grande rilievo: la tutela dell'incolumità dei minori, il raggiungimento di gradi sempre maggiori di autonomia, le scelte educative delle famiglie, il contenimento degli obblighi di vigilanza da parte del personale scolastico".

La norma riempie il gap aperto dall'ordinanza della Cassazione che attribuiva alle scuole la responsabilità dell'incolumità degli studenti anche al termine delle lezioni: un evento che ha fatto emergere la mancanza di una normativa specifica sulla questione, nonché di un'uniformità normativa applicabile a tutto il territorio nazionale.

RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIA

Le norme vanno anche nella direzione di una relazione interattiva tra scuola e famiglia. Da un lato le scuole potranno stabilire modalità organizzative che coinvolgano maggiormente le famiglie nella vita scolastica dei loro figli; dall'altro le famiglie potranno scegliere liberamente il grado di autoresponsabilizzazione dei loro figli. Il tutto, nel pieno rispetto dei principi della Carta Costituzionale.