Università e lavoro: il 43% degli studenti trova occupazione nel digitale e nell’innovazione

Di Redazione Studenti.

La John Cabot University ha pubblicato le statistiche 2022 sugli sbocchi occupazionali dei giovani, elaborate dal Centro di Avviamento alla Carriera dell'ateneo. I dati riguardano sia gli studenti dei percorsi di laurea triennale sia i neolaureati e i giovani col master. L’età compresa è tra i 20 e i 25 anni.

Giovani e lavoro

Occupazione: i dati della JCU
Occupazione: i dati della JCU — Fonte: ufficio-stampa

Nel 2022 quasi la metà dei giovani ha ottenuto una posizione lavorativa nei settori del digitale e dell’innovazione: si tratta del 43% e rappresenta la fetta più importante della torta occupazionale. Un po’ distaccate, a livello di percentuali d’impiego, seguono le aree:

  • istruzione, scrittura (anche in ambito giornalistico o di comunicazione) e traduzione, 14%;
  • risorse umane e management, 12%;
  • marketing e vendite, 12%;
  • attivismo (mondo no-profit, difesa dei diritti umani) e ricerca, 11%;
  • amministrazione (accounting), economia e finanza, 8%.

Nel 2019, cioè nel periodo ante Covid, le tre principali aree di impiego risultavano:

  • digitale e innovazione, 24,9%;
  • amministrazione, economia e finanza, 18,7%;
  • attivismo e ricerca, 18,3%.

Negli ultimi tre anni, quindi, le opportunità occupazionali relative al comparto digitale sono quasi raddoppiate. Il Centro di Avviamento alla Carriera della John Cabot University organizza tre Career Fair l’anno e conta 748 aziende partner (erano 650 prima del Covid), nazionali e internazionali, a coprire tutti i settori. Durante questi appuntamenti i giovani incontrano direttamente i responsabili delle assunzioni delle imprese, potendo effettuare anche più colloqui nel corso della stessa mattinata.

Il confronto con il periodo pre-covid

Nel 2022, l’86% dei giovani (quindi circa nove su dieci) ha ottenuto una posizione lavorativa nel corso dei Career Fair o al termine di un colloquio seguito a una candidatura inviata dal Centro di Avviamento alla Carriera. Prima del Covid la percentuale era del 76%, a significare una tendenza in decisa crescita.

«I lavori mutano di continuo e negli anni a venire continueranno a variare con maggiore velocità. Per gli studenti risultano sempre più importanti le soft skills, cioè le competenze morbide o trasversali, che permettono un positivo adattamento ai cambiamenti inevitabili delle prospettive occupazionali», ha spiegato Antonella Salvatore, docente di Marketing e direttrice del Centro di Avviamento alla Carriera della JCU.

Hai dubbi? Segui le nostre guide: