Traduzione De Bello Gallico, Aulo Irzio, Versione di Latino, Libro 08; 25-26

Di Redazione Studenti.

Traduzione in italiano del testo originale in latino del Libro 08; paragrafi 25-26 dell'opera De Bello Gallico di Aulo Irzio

DE BELLO GALLICO: TRADUZIONE DEL LIBRO 08; PARAGRAFI 25-26

25. Dopo aver inviato in ogni angolo del paese di Ambiorige legioni o truppe ausiliarie e aver seminato la desolazione con stragi, incendi, rapine, dopo aver ucciso o catturato un gran numero di uomini, Cesare spedisce Labieno con due legioni nelle terre dei Treveri, I Treveri, per la vicinanza con i Germani, erano abituati a far guerra tutti i giorni; per il loro grado di civiltà e la loro natura selvaggia non erano molto diversi dai Germani stessi e non ubbidivano mai agli ordini, se non costretti da un esercito. 26. Nel frattempo, grazie a una lettera e ai messi inviati da Durazio - rimasto sempre fedele all'alleanza con i Romani, mentre una parte del suo popolo aveva defezionato - il legato C Caninio, avvertito che un gran numero di nemici si era raccolto nelle terre dei Pictoni, si dirige alla città di Lemono. Era sul punto di raggiungerla, quando riceve dai prigionieri informazioni più dettagliate: alla testa di molte migliaia di uomini Dumnaco, capo degli Andi, aveva stretto d'assedio Durazio in Lemono Così, non osando arrischiare in uno scontro coi nemici le sue legioni, troppo deboli, stabilì il campo in una zona ben munita. Dumnaco, saputo dell'arrivo di Caninio, volge tutte le truppe contro le legioni e comincia l'assalto all'accampamento dei Romani. Dopo aver speso diversi giorni nell'attacco, a prezzo di gravi perdite e senza riuscire a far breccia in nessun punto delle fortificazioni, Dumnaco torna ad assediare Lemono.