Tracce prima prova 2018: De Sanctis e la scuola

Di Veronica Adriani.

È il bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis, primo ministro della Pubblica Istruzione. La scuola possibile traccia della prima prova 2018?

TRACCE PRIMA PROVA 2018

Francesco De Sanctis, primo ministro della Pubblica Istruzione in Italia
Francesco De Sanctis, primo ministro della Pubblica Istruzione in Italia — Fonte: ansa

Lo ha specificato qualche giorno fa Luca Serianni parlando della prima prova 2018: Inutile "dare troppa importanza a cosa uscirà. Tanto non ci indovinano mai". Eppure, tentar non nuoce: e se è vero che il MIUR era già a conoscenza qualche mese fa della ricorrenza che oggi sarebbe stata festeggiata, è possibile che fra le tracce di maturità ne sia stata inserita una a partire dal bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis.

Una riflessione sulla scuola? Possibile. Del resto, il neoministro Marco Bussetti ha elogiato il suo operato, definendolo una vera e propria guida: Da insegnante, quale era stato, De Sanctis Ministro operò con grande pragmatismo: conosceva bene le criticità, le mancanze del mondo della scuola senza dimenticarne i punti forza. Sapeva che dare accesso all’istruzione era fondamentale per costruire un Paese di uomini e donne protagonisti e liberi. Sulla base di una conoscenza profonda e aperta della pedagogia e della didattica, si impegnò a rafforzare e a innovare tutti gli ordini di scuola. A Francesco De Sanctis dobbiamo un patrimonio di interventi normativi che hanno posto le basi di una scuola per tutti.

POSSIBILE TRACCIA PRIMA PROVA 2018

Facile quindi aspettarsi una traccia sull'istruzione pubblica e garantita, come accesso a una maggiore libertà personale e a una realizzazione sul lavoro e nella società. Potrebbe venir chiesto, ad esempio, di parlare dei limiti della scuola e di proporre come si potrebbe superarli con politiche attive.

Oppure è possibile che De sanctis capiti tra le fonti del saggio breve, parlando magari di accesso all'informazione e fake news, con una panoramica sul ruolo della Rete e sulle aberrazioni di un'informazione non controllata.

Quali che siano le tracce che usciranno il 20 giugno, l'importante è essere in grado di affrontarle. Ecco intanto i nostri pronostici e le tracce che sicuramente non dovrai aspettarti: 

Ed ecco invece le guide per ripassare le varie tipologie di testo e non sbagliare il giorno degli scritti: