Test di accesso 2005-2006 per la Facoltà di Odontoiatria e Protesi Dentaria

Quesiti a.a. 2005/2006. Simulazione del test d'accesso a Odontoiatria e Protesi Dentaria

Domanda 17 di 61

Il brano riportato NON giustifica UNA delle considerazioni seguenti:

«L’influenza dell’arte, non illudiamoci, anche quando è a tratti intensa, è pur sempre effimera e superficiale nell’arco di una vita. Ma [...] penso si possa affermare che aspirazione precipua dell’arte è creare un meccanismo di identificazione, trasferire cioè l’esperienza emotiva e spirituale dei protagonisti di un romanzo, di un racconto, di una pièce teatrale, di un film, o persino di un dipinto o di una scultura, al lettore o all’osservatore, come se costui vivesse quell’esperienza senza doverne pagare lo scotto. Leggendo il racconto di Edipo, con il quale si identifica, il lettore sposa la madre, uccide il padre e si acceca. Seguendo le peripezie di Raskolnikov uccide la vecchia usuraia e sua sorella, oppure si suicida con Anna Karenina ma senza dover subire le conseguenze di tale gesto. Si trasforma in un insetto terribile e disgustoso come Gregor Samsa ma non viene gettato nella spazzatura dalla serva, bensì rimane seduto nella sua comoda poltrona e commenta: “Che racconto incredibile”. Questo è, in breve, il distacco estetico che ci procura gioia e soddisfazione catartiche pur toccando temi difficili e gangli mentali in suppurazione [...].» tratto da: Abraham B. Yehoshua, “Siamo tutti Raskolnikov senza soffrire”, LA STAMPA, 13-2-2005, p. 29