Test medicina 2023, parola all'esperto

Di Maria Carola Pisano.

Test medicina 2023, come sarà il TOLC-MED? Ne abbiamo parlato con Ludovico Callerio, CEO e co-founder di TestBusters

TEST MEDICINA 2023

Una lezione TestBusters
Una lezione TestBusters — Fonte: photo-courtesy

Cosa aspettarsi dal test di medicina 2023? E perché per quello di quest’anno hanno raggiunto la soglia di 20 punti solo circa 20mila aspiranti matricole? Ne abbiamo parlato con Ludovico Callerio, CEO e co-founder di TestBusters, azienda leader nella preparazione degli studenti ai test d'ingresso di Medicina, Odontoiatria e Veterinaria, Professioni Sanitarie, Medicina in lingua inglese da oltre 10 anni.

Come sappiamo il test di medicina quest’anno ha subito alcune modifiche nella struttura: c’è stato, infatti, meno spazio per le domande di cultura generale in favore delle materie disciplinari, cambiamento che ha influenzato i risultati. Secondo CallerioLa differenza principale è stata la composizione del test quindi per quanto il livello delle materie scientifiche non sia stato molto diverso, erano di più le domande scientifiche. La mia idea è che queste abbiano pesato molto, non ci sono stati punti semplici”.

Ludovico Callerio, CEO e co-founder di TestBusters
Ludovico Callerio, CEO e co-founder di TestBusters — Fonte: photo-courtesy

Il 29 settembre è uscita la graduatoria nominativa ordinata per merito del test di medicina 2022 e tutti gli aspiranti camici bianchi che non sono in posizione utile potranno aspettare i prossimi scorrimenti (il primo uscirà il 7 ottobre) e pensare a un piano alternativo, senza escludere la possibilità di rifare il test l’anno prossimo.  

I TOLC MED

Le possibilità di riuscita raddoppieranno dal 2023: la tradizionale prova d’ingresso nel 2023 sarà rimpiazzata dai TOLC, che si potranno sostenere già dalla quarta superiore e per due volte l’anno (ad aprile e a luglio). Il test sarà computer-based e i quesiti saranno 50 da risolvere in 90 minuti. A questo proposito Callerio tranquillizza le aspiranti matricole: “Sarà un anno di transizione e di cambiamenti e quindi ci si può trovare spaesati ma bisogna ricordarsi che il contenuto del test non cambia: l’importante è essere preparati in quelle materie.

Ci si giocherà i posti in maniera diversa, ma sempre su stesse nozioni e competenze. Conterà la preparazione e per avere un’adeguata preparazione è necessario dedicarsi alla pratica”.

La modalità TOLC, secondo Callerio, aiuterà tutti gli studenti ad affrontare più serenamente l’ostacolo: “Avevamo già suggerito un modello di TOLC qualche anno fa, per alleggerire il peso psicologico che ha il test. La prova singola annuale, dopo la quinta, è molto provante. Fare invece più prove l’anno partendo dalla quarta superiore alleggerisce gli studenti da quella sensazione di fallimento che provano a causa della modalità attuale”.

E a TestBusters sono pronti al cambiamento: “Eravamo già preparati a questo cambiamento, annunciato per la prima volta mesi fa dal Ministero. Durante questo periodo abbiamo lavorato sodo per adeguare i nostri corsi e tutte le altre risorse alle imminenti novità, e ad oggi posso confermare che la nostra offerta formativa è pronta a rispondere alle nuove esigenze di preparazione di tutti gli studenti che affronteranno per la prima volta il test di medicina in modalità TOLC. I grandi cambiamenti riguardano soprattutto le date e le modalità di svolgimento del test. Per quanto riguarda la struttura della prova, le materie, e di conseguenza il metodo di studio, rimangono sostanzialmente invariate".

Le news sul test d'ingresso a medicina: