Test medicina 2023: cosa succede alla graduatoria dopo la sentenza del TAR

Test medicina 2023: cosa succede alla graduatoria dopo la sentenza del TAR e quali sono gli scenari per i candidati non ancora immatricolati

Test medicina 2023: cosa succede alla graduatoria dopo la sentenza del TAR
istock

Test medicina 2023

Fonte: istock

Il TOLC MED 2023 ha generato polemiche fin dalla sua introduzione a causa delle modalità di svolgimento, dei presunti problemi con la banca dati e con i dubbi sul sistema di equalizzazione delle prove. Questo ha generato una serie di ricorsi, di cui uno ha già un primo esito. Come sappiamo, infatti, il TAR Lazio ha annullato i provvedimenti che hanno regolato il test medicina 2023, comunque tutelando le posizioni dei candidati che hanno superato con successo tali test e si sono immatricolati ai corsi. 

Graduatoria test medicina 2023: cosa succede ora

La risposta del CISIA non si è fatta attendere, ma cosa succede ora a chi è ancora nella graduatoria test medicina 2023 e aspettava gli scorrimenti per entrare nella proprio prima scelta? Gli scorrimenti di graduatoria verranno bloccati, ma è salvo chi è già dentro e chi ha perfezionato - da assegnato o prenotato - la propria posizione dopo l'ultimo scorrimento di graduatoria del 17 gennaio. 

Per chi rimane in graduatoria non è comunque detta l'ultima parola poiché la sentenza può essere impugnata entro due mesi e gli scorrimenti potrebbero riprendere in futuro. Il condizionale è però d'obbligo. Intanto rimaniamo in attesa di capire come e quando si svolgeranno i TOLC MED 2024.

Test medicina 2024: le informazioni sugli atenei privati

Di seguito trovate le date dei test d'ingresso degli atenei privati:

Un consiglio in più