Test medicina 2019: abolizione graduale per Fioramonti

Di Redazione Studenti.

Test medicina: un'abolizione graduale della prova. Ecco l'opinione del ministro Fioramonti

TEST MEDICINA 2019

Test medicina 2019: le parole del ministro dell'Istruzione Fioramonti
Test medicina 2019: le parole del ministro dell'Istruzione Fioramonti — Fonte: ansa

Dal 17 settembre i circa 60mila partecipanti al test medicina 2019, nell'area riservata su Universitaly, possono visionare i punteggi anonimi. Grazie alla pubblicazione dei risultati secondo il codice etichetta gli esperti del settore hanno potuto ricostruire la graduatoria anonima provvisoria e il punteggio minimo per entrare di quest'anno, pari a 41,7

TEST MEDICINA: ABOLIZIONE GRADUALE

Il giorno prima dell'uscita dei punteggi del test medicina 2019, anche il neo ministro Fioramonti ha parlato del test medicina. Sentito dal Corriere della Sera, Fioramonti sostiene che in futuro si potrebbe andare verso un'abolizione graduale del test medicina. La priorità, nel caso, sarebbe trovare i fondi per l'università. 

La strada verso l'abolizione del test d'ingresso a medicina è ancora in salita ma quest'anno il MIUR ha aumentato i posti disponibili del 20%. Inoltre, del 68mila candidati che si erano iscritti al test solo 60mila si sono presentati alla prova e solo 42mila sono quelli considerati idonei a entrare in graduatoria (gli idonei sono i candidati che hanno totalizzato più di 20 punti).

TEST MEDICINA 2019: NOVITÀ