Boom di denunce per il test Medicina 2017: arriva l'interrogazione parlamentare

Di Maria Carola Pisano.

Risultati test Medicina 2017: la prova d'ingresso è al centro di un'interrogazione parlamentare. Boom di denunce per irregolarità e scorrettezze negli atenei

TEST MEDICINA 2017: SEGNALAZIONI E DENUNCE

Test Medicina 2017: dopo il boom di denunce arriva l'interrogazione parlamentare
Test Medicina 2017: dopo il boom di denunce arriva l'interrogazione parlamentare — Fonte: istock

SCARICA QUI IL FILE PDF DELLA GRADUATORIA NAZIONALE TEST MEDICINA DEL 3 OTTOBRE 2017!

PUNTEGGIO MINIMO PER OGNI ATENEO PER ENTRARE A MEDICINA 2017: SCOPRI QUAL E' QUELLO DELLA TUA PRIMA SCELTA!

Il test Medicina 2017 non esce dal centro delle polemiche: da una parte ci sono gli aspiranti studenti che ne hanno denunciato le irregolarità, dall'altra i ragazzi che fanno i conti con un risultato del tutto inatteso (e qualcuno si è visto assegnare persino una cheda anagrafica non sua). Anche la pubblicazione dei risultati del test Medicina 2017 non è quoindi esente da critiche e dubbi. Ancora più importanti sono però le denunce arrivate all'indomani della prova d'ingresso: il network legale Consulcesi - che si occupa della tutela dei medici e aspiranti tali - ha raccolto centinaia di segnalazioni dei candidati del test Medicina e le denunce, quest'anno, ragguingono il 75% in più rispetto all'anno scorso. Nessun ateneo è risparmiato e gli studenti sono agguerriti.

MEDICINA 2017: ARRIVA L'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Dopo la valanga di segnalazioni dei candidati giunte allo sportello virtuale di Consulcesi - www.numerochiuso.info - a cui vi potete rivolgere per denunciare le scorrettezze a cui avete assistito durante il test medicina 2017, le istituzioni hanno accolto le proteste dei candidati che ora sono sul piede di guerra: il Senatore Questore Antonio De Poli ha presentato un'interrogazione parlamentare - che ha già raccolto il sostegno di altri 11 senatori - rivolta al Ministro dell'Istruzione. De poli sostiene che è "necessaria l’introduzione di un sistema selettivo maggiormente equilibrato", e proprone un'ampliamento dei posti disponibili su scala nazionale, in particolar modo per gli studenti che presenteranno ricorso.