Test universitari 2019: come superarli con le giuste tecniche di memoria

Di Redazione Studenti.

Test ingresso 2019: come superare il numero chiuso studiando con l'aiuto delle giuste tecniche di memoria

TEST INGRESSO 2019

Test ingresso 2019: come superarli con le tecniche di memoria
Test ingresso 2019: come superarli con le tecniche di memoria — Fonte: ufficio-stampa

A settembre ripartirà il treno dei test ingresso 2019, sia ministeriali che non. Se infatti alcuni sono gestiti direttamente dal Miur, sono nazionali e si tengono lo stesso giorno in tutta Italia (Medicina, Veterinaria, Architettura, Professioni Sanitarie, Medicina in inglese), altri sono prove di ingresso che regolano l'accesso a facoltà a numero chiuso locale. 

I test di ingresso all'università non sono certo impossibili da superare ma serve un'ottima preparazione per sopravvivere alla concorrenza: più di 60 mila candidati e, a entrare, solo uno studente su sette. Per guidare le aspiranti matricole nel lungo percorso di preparazione ai test di ingresso 2019 Matteo Salvo, International Master of Memory e detentore del titolo di Guinness World Record, ed Elisabetta Galli, Dottore di Ricerca in Giurisprudenza, consulente aziendale e formatore strategico, hanno realizzato il volume dal titolo “Prepararsi ai test universitari: il metodo rivoluzionario per affrontarli e superarli”.

TEST NUMERO CHIUSO 2019: STUDIA CON LE TECNICHE DI MEMORIA

La chiave per superare i test ingresso 2019 risiede nell'approccio rivoluzionario e non più nozionistico. Secondo gli esperti la fase di memorizzazione è cruciale ed esistono tecniche di apprendimento che potrebbero riservare agli studenti risultati sorprendenti.

  • Il P.A.V. (Paradosso Azione Vividezza): la potenza delle emozioni
    Per facilitare il ricordo qualsiasi tipo di associazione mentale che facciamo deve essere paradossale poiché la nostra mente registra tutto quello che trova strano o bizzarro. Anche il movimento è fondamentale poiché tutto cio che è azione e movimento, cattura la nostra attenzione. Inoltre bisogna immaginare le cose in modo vivido, come se fossimo i protagonisti di ciò che vogliamo imparare. 
  • La conversione delle parole in immagini è necessaria quando si parla di associazioni mentali. Per memorizzare i termini astratti o tecnici bisogna convertire le parole in immagini. 
  • Studiare per spiegare. Per l'autore Matteo Salvo è importante studiare non per imparare ma studiare per spiegare: "In questo modo la nostra mente si pone su un piano completamente diverso, compiendo un salto di qualità. Il fatto di voler spiegare qualcosa a qualcuno implica che abbiamo realmente compreso e interiorizzato quei concetti".
  • Mappe mentali per concetti complessi
    Accanto alle associazioni mentali uno delle tecniche di memoria più efficaci è rappresentato dalla mappe mentali. Le mappe mentali ci aiutano a visualizzare a colpo d'occhio tutto l'argomento da noi studiato. Nella mappa mentale conviene evidenziare i concetti in ordine di priorità, disponendoli a raggiera in senso orario a partire dal concetto principale. I concetti secondati, invece, vanno inseriti in sequenza, associati a immagini e parole chiave. Meglio non andare oltre le cinque generazioni di "rami figli" della nostra mappa mentale. 
  • Luoghi mentali per memorizzare elenchi o parti di un insieme
    Cicerone, per ricordare le sue orazioni, individuava una serie di punti lungo un discorso che associava a "luoghi mentali". Immaginate il vostro discorso come un itinerario e i concetti fondamentali come punti dello stesso.
  • La conversione fonetica
    Il metodo più efficace per memorizzare i punti è quello della conversione fonetica che consiste nell'associare a ciascun numero un certo tipo di suono.
  • La fotografia mentale
    Questa tecnica è utile per memorizzare tabelle e grafici, piantine e monumenti, caratteristiche di animali, parti del corpo umano (utili per i test di medicina e professioni sanitarie), formule di struttura e mappe mentali.

Come si memorizzano i dettagli di un'immagine? È necessario un approccio attivo: bisogna essere partecipe delle informazioni, non basta subirle. I passaggi per memorizzare in questo modo da seguire, sono:

  1. Guardare l'immagine per farsi un'idea generale;
  2. Dividerla in parti più piccole;
  3. Osservare ogni più piccola parte alla volta;
  4. Farci delle domande;
  5. Contare tutte le parti;
  6. Ricostruire l'immagine nella mente tenendo gli occhi chiusi;
  7. Fare un confronto tra l'immagine mentale e quella reale. 

Questo e altro troverete nel libro Prepararsi ai test universitari: il metodo rivoluzionario per affrontarli e superarli di Matteo Salvo ed Elisabetta Galli.