Test Medicina 2018: il piano B per chi non lo supera

Di Redazione Studenti.

Test Medicina 2018: cosa fare se non entri. Ecco cinque corsi di laurea alternativi ideali per chi non passa il test d'ingressoe non entra a Medicina

TEST MEDICINA 2018: LE ALTERNATIVE

Superare il test medicina 2018 non è cosa da poco: entra solo uno studente su 6. Chi resta fuori dalla graduatoria che alternative ha? Questa è la domanda che si devono fare gli studenti che il 4 settembre affronteranno il test di medicina 2018, visto e considerato che gli iscritti alla prova sono oltre 67 mila e i posti disponibili non arrivano nemmeno a 10 mila. Per questo è bene preparare anche un piano B nel caso in cui non si dovesse superare il test di medicina. Di seguito scoprirai quali sono le facoltà alternative a Medicina.

Alternative a medicina
Alternative a medicina — Fonte: istock

COSA FACCIO SE NON PASSO IL TEST D’INGRESSO DI MEDICINA?

Quali sono i corsi simili a Medicina a cui posso iscrivermi se non supero il numero chiuso? Quanti e quali esami posso poi convalidare? Sono queste le domande che i ragazzi si stanno ponendo in questo momento, per non “sprecare” un anno della loro vita. Alcuni sono già partiti alla ricerca di un corso di laurea alternativo, consci del fatto che in caso di piano B ci sarebbero altre procedure d'scrizione da espletare e, forse, altri test d'ingresso da superare. La ricerca di un corso di laurea che costituisca un alternativa al Medicina e che fornisca buone basi in previsione del prossimo anno è dunque già iniziata.

Da non perdere: Medicina e Professioni Sanitarie: i lavori nel settore sanitario per cui non serve passare il test

NUMERO CHIUSO MEDICINA: COME FUNZIONA L’ARTICOLO 6?

Le intenzioni sono chiare: trovare una facoltà che gli fornisca una buona preparazione nelle materie specifiche del test d’ingresso di Medicina e Chirurgia e poi appellarsi all’articolo 6 del R.D. 1269/38. Quest’ultimo sancisce che “gli studenti , in aggiunta agli insegnamenti previsti per il proprio corso di laurea, possono iscriversi, per ciascun anno accademico, al massimo a due insegnamenti di altri Corsi di studio di pari livello e di medesimo ordinamento” e, quindi, consente, almeno sulla carta, alle future matricole di sostenere comunque due esami presso la Facoltà di Medicina). In realtà, però, occorre fare attenzione ed informarsi con cura perché ogni ateneo applica questa regola in maniera diversa.
Per saperne di più: Articolo 6: tutto quello che devi sapere

Hai comunque deciso di iscriverti all’Università? Ecco quali sono i corsi di laurea alternativi che, di solito, sono consigliabili per chi non ha passato il test d’ingresso di Medicina.

FACOLTA' ALTERNATIVE A MEDICINA: LE GUIDE