Tesina terza media su Picasso, il Cubismo e Guernica

Di Redazione Studenti.

Tesina di terza media su Picasso: il cubismo, il Guernica e i diversi periodi artistici del pittore. Spiegazione su stile e temi

PABLO PICASSO

Picasso di fronte a una delle sue opere
Picasso di fronte a una delle sue opere — Fonte: getty-images

Pablo Ruiz Picasso è nato nel 1881 a Malaga, in Spagna ed è stato uno degli artisti più importanti del Novecento. Il suo stile non è ricollegabile a una sola corrente artistica, perché ha attraversato, nel corso della sua carriera, tutti i possibili linguaggi artistici.

Dopo aver vissuto e dipinto in Spagna, Picasso si trasferì in Francia, nel 1904, dove elaborò i principi del Cubismo; a partire dal 1915, quando il Cubismo stava per terminare, Picasso si rivolse ad altre forme espressive.

PICASSO, I PERIODI ARTISTICI

Le opere di Pablo Picasso possono essere divise in tre periodi artistici:

  • Il periodo blu, dal 1901 al 1904: qui Picasso utilizzò il colore blu come colore freddo per indicare la malinconia. Le figure sono irreali e allungate. Il colore blu esalta il soggetto del dipinto;
  • Il periodo rosa, dal 1904 al 1906: qui Picasso utilizzò maggiormente il colore rosa assistito dal bianco e ad altri colori caldi. I soggetti ritratti sono prevalentemente circensi e poveri. Le pitture sono più luminose e sono accompagnate da forme più solide.
  • Il classicismo dal 1907 al 1915: nasce dopo un viaggio fatto in Italia. Il tema è la figura femminile di tipo monumentale e sacra.

IL CUBISMO

Pablo Picasso si associa spesso al Cubismo, che ebbe la sua maggiore espansione dal 1907 al 1915. Il termine 'Cubismo' ha origini nella affermazione del critico Vauxelles alla mostra della tela Demoiselles d'Avignon definendola ''bizarre cubiste''. I principi del Cubismo sono:

  • L'oggetto non deve avere prospettiva nè simmetria.
  • L'oggetto non deve copiare la realtà, ma si deve prima conoscere la sua struttura.
  • L'oggetto deve essere rappresentato nella sua totalità e solo dopo averlo visto da più posizioni.
  • L'oggetto va dipinto accostando o sovrapponendo le sue parti, rappresentando così, contemporaneamente, tutto l' oggetto.
  • Ogni momento di osservazione deve essere conosciuto e approfondito: si introduce il concetto di quarta dimensione, ovvero il tempo necessario ad acquisire la conoscenza degli oggetti.

FASI DEL CUBISMO

Il Cubismo può essere diviso in tre fasi:

  • Cubismo originario che va dal 1907 al 1909; in questo periodo le forme sono ridotte a volumi semplici e i colori sono limitati.
  • Cubismo analitico dal 1910 al 1912; in questo periodo le facce degli oggetti vengono sovrapposte fra di loro. Il colore è il grigio, affiancato dal marrone, dal bianco e dal nero.
  • Cubismo sintetico dal 1912 al 1915; in questo periodo l'oggetto, una volta scomposto, viene riordinato tramite la visione simultanea. I colori sono estremamente vivaci e le forme aperte. Viene introdotto il ''collage'', tecnica che consiste nell'incollare carte una sull'altra sulla tela, in modo che il ''vero'' si mescoli al ''finto''.

CUBISMO E ARTE AFRICANA

Durante il periodo cubista divenne molto nota l'arte africana primitiva al punto che molti artisti cubisti vennero attratti da queste opere per la semplicità delle loro forme e linee e perché le maschere esprimevano una concezione simbolica dell'uomo.

Da quest'arte furono attratti principalmente Matisse e Pablo Picasso, che dal 1920 in poi descrisse la realtà: denunciò ad esempio quanto stava avvenendo nel corso della guerra civile spagnola, descrivendola nel suo Guernica.

Ascolta su Spreaker.

PICASSO, GUERNICA

Guernica è il nome di una città spagnola, la prima ad aver subito un bombardamento aereo tedesco il 27 aprile 1937.

In quegli anni era in corso la guerra civile in Spagna, con la quale il generale Franco cercava di sostituire la monarchia,servendosi dell'aiuto dei tedeschi e degli italiani.

L’opera è di grandi dimensioni (3,5 m x 8) e fu realizzata in due mesi, preceduta da un’intensa fase di studio. Il quadro è realizzato secondo gli stili del cubismo: lo spazio è annullato, il colore è del tutto assente per accentuare la carica drammatica di quanto è rappresentato. Al cavallo Picasso contrappone sulla sinistra la figura di un toro, icona della brutalità, ma anche simbolo della Spagna offesa.

Le figure hanno tratti deformati per accentuare la brutalità dell’evento. Un’ ultima figura sulla destra mostra il terrore di chi cerca di fuggire da case in fiamme. Altre figure sono un cavallo trafitto a morte, simbolo del popolo che soffre. Al centro una mano regge una spada in frantumi, impugnata inutilmente contro il nemico.

La particolarità di questa composizione è l' impiego esclusivo del bianco, del nero e del grigio, colori che vengono suggeriti al pittore dalle foto della città distrutta apparse sui giornali.