Tema sulla Rivoluzione industriale

Di Redazione Studenti.

Tema sulla Rivoluzione industriale: tema storico svolto. Cause, eventi, conseguenze e protagonisti

TEMA SULLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Tema sulla rivoluzione industriale
Tema sulla rivoluzione industriale — Fonte: getty-images

La prima rivoluzione industriale portò, nella seconda metà del ‘700, in Inghilterra all’affermazione di un modello produttivo incentrato sulla fabbrica. I fattori che determinarono nascita e sviluppo sono diversi e il fenomeno dopo poco si espanse un po’ in tutta l’Europa. Molto importanti erano le innovazioni tecniche che si andavano introducendo, o erano già state introdotte negli anni precedenti, nel campo tessile e con le quali si cercava di contrastare le importazioni delle pregiatissime stoffe indiane.

L’introduzione di macchinari come il filatoio meccanico e idrauilico o la navetta volante iniziò a spostare i centri di produzione: non era più possibile tessere a casa sotto ordinazione,  i macchinari avevano bisogno di altri spazi e nacquero le prime fabbriche.
Nuovi passi furono fatti anche nel campo siderurgico dove, grazie all’introduzione del carbone coke da parte di Darby e Cort, si riuscirono ad ottenere fusioni migliori con meno impurità e quindi una maggior qualità del prodotto; inoltre Watt mise a punto la macchina a vapore che risolse molti problemi riguardante l’alimentazione dei macchinari.

La vicinanza al mare, la presenza di molti fiumi navigabili e una migliore condizione della rete stradale, erano tutti elementi fondamentali per lo sviluppo verso il quale l’Inghilterra si stava avviando. Oltre alla rivoluzione industriale ci fu quella agraria: successivamente all’introduzione delle coltivazioni a rotazione, l’applicazione del metodo e delle innovazioni industriali la condizione della popolazione contadina, che a quel tempo rappresentava circa il 75% della popolazione, era notevolmente migliorata.

In tutta Europa ci fu inoltre un aumento demografico, che determinava un aumento della manodopera e un aumento della richiesta di prodotti. Questo portò a uno sviluppo degli investimenti, anche se all’inizio però si trattava solo di piccoli mercanti.

Ma quando si notò invece che questi investimenti non erano così rischiosi, il processo d’industrializzazione iniziò a decollare. Cambiò, di conseguenza, anche comportamento delle banche: non furono mai applicati interessi alti che bloccavano sul nascere qualsiasi tipo di nuova attività, anzi spesso con prestiti e finanziamenti agevolati erano proprio le banche le migliori rampe di lancio per piccole fabbriche.

CONCLUSIONE

In definitiva le cause che facilitarono lo sviluppo di un nuovo sistema produttivo in Inghilterra furono: lo sviluppo tecnologico e l'applicazione di esso in campo produttivo, l'aumento demografico, le favorevoli caratteristiche socio-politiche (diffusa istruzione e istituzioni politiche favorevoli), abbondanti risorse (anche grazie alle colonie), facilità dei trasporti, prerequisiti economici presenti, crescita della domanda dei prodotti, disponibilità dei capitali iniziali e disponibilità di forza lavoro.

Approfondisci:

  • Rivoluzione Industriale
    Storia della rivoluzione industriale del 1700, cause e caratteristiche delle trasformazioni sociali ed economiche e innovazioni tecnologiche iniziate in Inghilterra