Come scrivere un tema sul viaggio

Di Redazione Studenti.

Tema svolto sul viaggio per la terza media. Ecco come scrivere un tema sul viaggio: scaletta, svolgimento, cosa scrivere

TEMA SUL VIAGGIO

Come scrivere un tema sul viaggio?
Come scrivere un tema sul viaggio? — Fonte: istock

Racconta un tuo viaggio...

Quante volte un tema che ti è stato assegnato è iniziato esattamente così? Innumerevoli, ne siamo sicuri. Ecco perché saper scrivere un tema sul viaggio è importantissimo, sia per non farsi trovare impreparati, sia per non incorrere nelle mille insidie di questa tipologia di contenuto. Una su tutte? La banalità. Quando si scrive un tema, in generale, è importantissimo infatti essere originali e scrivere qualcosa che catturi l'attenzione.

Ecco quindi il nostro tema sul viaggio svolto da cui prenedere ispirazione.

Ascolta su Spreaker.

TEMA SUL VIAGGIO SVOLTO

Il viaggio è una delle esperienze più belle per chiunque: npon importa che si sia bambini, adulti o anziani.

Io e la mia famiglia abbiamo sempre viaggiato molto: lo testimoniano le tante fotografie che abbiamo scattato nel corso dei nostri viaggi, vicini o lontani che fossero.

D'altra parte, personalmente sono convinta che il bello della vita sia proprio avere la possibilità di trascorrere diversi giorni in luoghi diversi da quello in cui abitualmente trascorriamo le nostre giornate. Basta anche solo spostarsi in una città vicina, per passeggiare, visitare i monumenti, scoprirne la bellezza.

Ogni paese, ogni cittadina, ogni metropoli ha qualcosa che vale la pena di essere conosciuta. In questo, ho preso la passione dai miei genitori che continuano a viagiare anche se io non vado più con loro.

TEMA SUL VIAGGIO PER LA TERZA MEDIA

La bellezza di un viaggio è l’ansia che ho prima di partire, i preparativi da fare, la bellezza di giungere in un luogo sconosciuto, per il quale comunque nutri curiosità.

Se è vero che ogni luogo ha il suo fascino, è anche vero che ha i suoi difetti: il difficile è notarli a un primo impattio, quando il tempo della permanenza è così ridotto. Per un turista è difficile poter notare i difetti di un luogo sconosciuto, preso com'è dall'ascoltare una nuova lingua o un altro dialetto, assaggiare nuovi cibi, scoprire nuovi modi di vivere.

A tutti coloro a cui non piace viaggiare, ai più sedentari, consiglio di prendersi almeno un periodo all’anno per partire: non importa che si sia da soli o in compagnia. Bastano anche soli dieci giorni per poter conoscere qualcosa che ci ha sempre affascinato,  vedere finalmente qualcosa che perderemmo se restassimo sempre nello stesso luogo.

Il viaggio è innegabilmente vita, e viaggiare è fondamentale per poter davvero vivere.