Tema argomentativo sui diritti umani

Di Redazione Studenti.

Tema argomentativo sui diritti umani: come impostare un tema sui diritti umani e cosa scrivere per essere originali e precisi. Esempio di tema svolto

TEMA ARGOMENTATIVO

Tema argomentativo sui diritti umani
Tema argomentativo sui diritti umani — Fonte: istock

Come scrivere un tema argomentativo sui diritti umani? Non è semplicissimo ma si può fare: l'importante è avere bene in mente la struttura da utilizzare, la scaletta di argomenti che si vuole affrontare e soprattutto una buona conoscenza del tema generale, supportato da fatti ed episodi.

Qualche episodio generale sulla costruzione del tema puoi trovarlo qui sotto. Per il tema svolto sui diritti umani, invece, trovi tutto poco oltre.

TEMA SUI DIRITTI UMANI

Esponi le motivazioni per cui nel mondo attuale i diritti fondamentali dell’uomo, la dignità ed il valore della persona umana, l’uguaglianza dei diritti dell’uomo e della donna, la promozione del progresso sociale e un migliore tenore di vita in una maggiore libertà, sono obiettivi prossimi o remoti da raggiungere.

La lotta al riconoscimento dei propri diritti è da sempre prerogativa della storia dell'uomo. Gli ultimi due secoli hanno portato significativi passi avanti, grazie alle costituzioni degli stati liberali e moderni, che hanno riconosciuto all'uomo i diritti naturali e quelli fondamentali.

I diritti più antichi ed anche più universalmente accettati sono quelli dell’iniziativa economica e privata, della libertà personale, di stampa, di riunione, di uguaglianza formale e di proprietà. Allo stato attuale i diritti considerati fondamentali sono la promozione del valore della persona umana, il diritto di dignità e di uguaglianza tra i due sessi, frutto di secoli di discriminazioni e prevaricazioni.

Ascolta su Spreaker.

Questi diritti, che dovrebbero essere prerogativa di ogni essere umano, sono in realtà garantiti solo alla parte di popolazione mondiale più agiata che, nella maggioranza dei casi, vive in occidente. Nonostante ciò, alcuni diritti sono violati anche in Occidente: basti pensare alla pena di morte ancora esistente in alcuni stati americani, o allo sfruttamento del lavoro minorile.

Questi diritti sono stati affermati anche in ambito internazionale dall’ONU, che però, non avendo potere esecutivo, può solamente fornire pareri agli stati. Sono state create organizzazioni internazionali (tra cui ONU, FAO, OIL, Amnesty International, ecc.) che operano attivamente in questi ambiti e che fino ad ora hanno promosso, soprattutto tra gli anni ’80 e ’90, opere di sensibilizzazione attraverro l'istruzione. Nonostante il grande impegno, molto c'è ancora da fare: la sensibilizzazione arriva solo agli stati più ricchi, con una limitata diffusione della tematica.

Nella società in cui viviamo, basata sul denaro e sul progresso, esisteranno sempre difficoltà nell’applicazione dei diritti umani, a causa, principalmente, delle gravi disuguaglianze fra popoli, dovute principalmente alla ricchezza mal distribuita.

La condizione femminile, pur migliorata nei secoli, non è ancora ideale: diseguaglianze salariali, violenze domestiche, difficoltà ad accedere alle cariche professionali più alte sono solo alcune delle questioni ancora aperte.

Quanto alla questione della discriminazione dei disabili, lavorare sul loro maggior coinvolgimento nel mondo del lavoro grazie ad una formazione ad hoc potrebbe essere un primo passo per una vera integrazione.

Per quel che riguarda la tutela dei minori, la principale sfida del nostro tempo riguarda probabilmente la lotta al lavoro minorile e l'ausilio alle famiglie più povere perché possano garantire un'istruzione di qualità ai loro figli.

La constatazione delle gravi ingiustizie presenti ovunque non deve far pensare che le cose non possono cambiare: accettare la diversità nel nostro quotidiano è solo il primo passo per raggiungere una maggiore consapevolezza nei confronti degli altri e degli eventi che ci circondano.