Talete, Anassimandro e Anassimene: differenze

Di Redazione Studenti.

Differenze di pensiero e punti in comune tra i filosofi ionici di Mileto: Talete, Anassimene e Anassimandro

TALETE, ANASSIMENE E ANASSIMANDRO

Talete, Anassimene e Anassimandro sono tre filosofi ionici
Talete, Anassimene e Anassimandro sono tre filosofi ionici — Fonte: getty-images

La filosofia per come la conosciamo nacque nella città dell'Asia Minore Mileto, all'epoca colonia greca, con la prima scuola di pensiero filosofica.

Talete, Anassimandro e Anassimene si pongono il problema di che cosa sia l'Archè, ovvero il Principio primo. Le risposte che trovano seguono la loro ragione e il loro pensiero. Vediamo di cosa si tratta.

IL PRINCIPIO SECONDO TALETE

Per Talete il principio è l’acqua, perché dove non c’è acqua non c’è vita. Non si parla di acqua in senso fisico, ma metafisico, come materia vivente.

La conoscenza sensibile è quella che ci deriva dai sensi, in grado di metterci in contatto con il mondo che ci circonda. I filosofi di Mileto affermano che quello che vediamo con i cinque sensi è apparente, perché il principio non può venire dal mondo: tutto nasce e tutto muore mentre il Principio non può morire.

Dietro il molteplice, cioè il mondo, deve esserci un principio alla base di tutto. Il molteplice è il caos, mentre il principio è l’ordine. I filosofi di Mileto concepiscono l’Archè come qualcosa di fisico e vivente che è in tutto (si parla in questo caso di ilozoismo e panteismo).

IL PRINCIPIO SECONDO ANASSIMANDRO

Anassimandro afferma che l’archè non può essere un elemento definito: il principio, quindi, deve essere indefinito, Apeiron. L’elemento iniziale è una mescolanza primordiale in movimento (indefinito fisico), durante il quale si staccano quattro sostanze: caldo, freddo, secco e umido. La diversa combinazione delle quattro dà origine a diversi elementi:

  • Caldo + secco = fuoco
  • Caldo + umido = aria
  • Freddo + secco = terra
  • Freddo + umido = acqua

L’acqua e la terra sono al centro dell’universo perché sono più pesanti, poiché la terra è cilindrica.

Aria e fuoco sono disposte a corona intorno alla terra e all’acqua: il primo cerchio è costituito dalle stelle fisse, il secondo dal fuoco e il terzo dal sole.

Gli uomini non sono in grado di vedere i cerchi perché in mezzo c’è l’aria, ma possiamo vedere alcune parti di questi cerchi attraverso dei buchi sulla superficie: le eclissi sono otturazioni momentanee dei buchi.

A proposito del cosmo, Anassimandro ritiene che esso sia nato per scissione quando si è rotto l’equilibrio interno dell’apeiron. Però c’è una legge per la quale ciò che è stato rotto deve ricomporsi: dall’apeiron si arriva quindi al cosmo, poi si ricompone e si torna all’apeiron e così via all’infinito.

La concezione del cosmo è finita, ma quella dei cicli è infinita. Anassimandro ritiene che all’origine ci siano prevalentemente i pesci; quindi, o gli uomini si sono evoluti dai pesci, o si trovavano originariamente all'interno dei pesci e ne sono stati espulsi.

IL PRINCIPIO PER ANASSIMENE

Per Anassimene il principio è l’aria.

È nei fatti il primo ad avere idee quantitative, perché per aumento e diminuzione dell’aria si creano gli altri elementi.

Leggi anche:

  • Come nasce la filosofia
    Nascita della filosofia: come e quando è nata la filosofia opponendosi alla tradizione mitologica e al senso comune
  • Cos'è la filosofia
    Definizione, origini e significato della filosofia. Cos'è e cosa studia la disciplina che nacque nell'antica Grecia arrivando fino ai giorni nostri