Studiare in UK dopo la Brexit: procedure e costi

State pensando di studiare in UK? Dopo la Brexit ci sono varie differenze di cui tenere conto. Valutiamo cosa è cambiato e quali sono i requisiti.

Studiare in UK dopo la Brexit: procedure e costi
getty-images

Studiare in UK

Fonte: getty-images

Gli studi nel Regno Unito hanno affascinato sempre moltissimi studenti. La possibilità di studiare l’inglese e mettere in pratica quanto imparato direttamente con i madrelingua continua ancora oggi ad avere un grande peso nelle scelte degli studenti che decidono di iniziare un percorso di studi estero. Non solo, anche il prestigio di alcune università come Oxford o Cambridge, ma anche molti atenei di Londra, attirano l’attenzione di chi sceglie di lasciare l’Italia per continuare la propria formazione. L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea con la Brexit, avvenuta ufficialmente il 31 gennaio 2020, ha segnato un cambio per le procedure di ingresso in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord, ma anche nelle documentazioni necessarie per iniziare un percorso di studi in uno di questi Paesi. State valutando la situazione perché avete trovato un corso di laurea che vi interessa particolarmente? Probabilmente pensate che possa essere migliore rispetto agli altri per la vostra formazione e la vostra carriera. In questo caso, sicuramente, starete cercando delle informazioni utili a capire cosa è cambiato dopo la Brexit e come fare per studiare nel Regno Unito. In questo articolo andremo a vedere i punti più importanti che dovrete considerare, in modo che possiate fare una scelta consapevole e optare per la migliore soluzione.

Come andare a studiare in Inghilterra dopo Brexit?

Il governo britannico aveva concesso un periodo utile a tutti i cittadini europei residenti nel Regno Unito per le procedure necessarie a regolarizzare la loro situazione, aggiornando il loro status in seguito all’uscita dall’Unione Europea. Questo periodo di transizione è terminato a luglio 2021 e fino a quel momento gli europei hanno avuto modo di continuare a studiare e lavorare in UK senza bisogno di alcuna documentazione aggiuntiva. A partire da quella data la situazione è cambiata, anche per gli studenti. Il primo cambiamento è quello relativo all’ingresso in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord, per cui non è più sufficiente la carta d’identità, ma è necessario il passaporto. Inoltre, servirà il visto per gli studenti che hanno intenzione di iniziare un percorso di studi. Dunque, prepararsi per una nuova esperienza nel Regno Unito non è più semplice come una volta. Chi si accinge a farlo dovrà considerare nuove documentazioni e costi differenti rispetto al passato.

Cosa fare per andare a studiare in UK?

Se state pensando di trasferirvi nel Regno Unito per un corso di laurea o per studiare inglese ci sono vari fattori da considerare. Chi ha intenzione di frequentare un corso di lingua che ha una durata massima di 6 mesi non avrà bisogno del visto d’ingresso, dunque sarà più semplice organizzarsi per la partenza. Se il corso avrà una durata compresa tra i 6 e gli 11 mesi, Il Regno Unito ha pensato a un visto speciale adatto agli studi di breve durata. Se il corso di lingua durerà più di 11 mesi gli studenti dovranno richiedere un’altra tipologia di visto, che è la stessa per chi frequenterà altri tipi di corso per oltre 6 mesi.

La situazione è cambiata anche per chi frequenta un’università italiana (ed europea) e stava pensando di presentare la candidatura Erasmus per una delle università britanniche. Con l’uscita dall’Unione Europea il Regno Unito non fa più parte del progetto Erasmus. Tuttavia, è stato creato uno nuovo, specifico per gli studenti che desiderano studiare per un breve periodo in Inghilterra, Scozia, Galles o Irlanda del Nord e sostenere degli esami da convalidare per il proprio percorso di studi nel Paese d’origine. Il nuovo progetto di mobilità globale ideato e lanciato in UK si chiama programma Alan Turing e ha delle modalità simili all’Erasmus, nonostante le tasse previste per gli studenti siano maggiori e il numero di posti per gli europei che saranno selezionati è inferiore rispetto a quelli degli accordi del programma Erasmus. Se con il progetto precedente agli stranieri veniva richiesto il pagamento della stessa retta dei britannici, ora le tasse necessarie sono triplicate.

Quanto costa studiare in Inghilterra

Studiare in Inghilterra nel periodo post Brexit prevede sicuramente dei costi maggiori per gli studenti. Nello specifico, le tasse universitarie per un corso di laurea triennale possono oscillare tra 11mila e 40mila sterline all’anno, in base all’ateneo scelto e il corso specifico. Per quanto riguarda, invece, i corsi magistrali, l’importo necessario varia tra 11mila e 30mila sterline all’anno. Inoltre, per la richiesta del visto c’è anche un requisito economico da considerare. Gli studenti devono anche dimostrare di avere sul proprio conto bancario denaro a sufficienza per mantenersi e per sostenere il costo del percorso di studi. Viene richiesta una quota che supera 1000 sterline al mese o 1300 sterline al mese per chi inizia un percorso al Londra.

Quali documenti servono per studiare all'estero

Come dicevamo, per l’ingresso e lo studio nel Regno Unito è diventato necessario il visto. La procedura, dunque, è cambiata rispetto al passato. Se siete degli studenti che si accingono a iniziare un corso universitario dovete sapere che il governo britannico richiede l’offerta da parte di un istituto, che rappresenterà lo sponsor, il quale affermerà di avere un posto per voi come studenti. Verrà richiesto anche un certificato di lingua inglese, che attesti la vostra conoscenza almeno a un livello B2 sulla scala QCER per i corsi di laurea, o B1 per corsi di altro tipo.

Altri contenuti sullo studio all'estero

Altre indicazioni utili per il vostro studio all'estero:

Materiale utile se vi inseressa studiare all'estero

Scopri i testi che ti illustrano come funziona lo studio in un altro paese del mondo e come orientarti tra le infinite possibilità di vita e formazione all'estero.

Contenuto sponsorizzato: Studenti.it presenta prodotti e servizi che si possono acquistare online su Amazon e/o su altri e-commerce. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Studenti.it potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. Vi informiamo che i prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo, vi invitiamo quindi a verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati

Un consiglio in più