Università all’estero: ingresso, tasse e sovvenzioni

Di Elisa Chiarlitti.

Università all'estero: ecco tutto quello che devi sapere su iscrizioni, tasse, sovvenzioni, documenti richiesti e certificati linguistici.

STUDIARE ALL'ESTERO: COME FARE

Stai pensando di studiare all'estero per un periodo? Ecco tutto quello che devi sapere
Stai pensando di studiare all'estero per un periodo? Ecco tutto quello che devi sapere — Fonte: istock

Ti piacerebbe frequentare un corso di studi all'estero? Se sì, sappi che sei in buona compagnia: sono sempre più diffusi programmi di scambi internazionali che permettono di fare un'esperienza di studio fuori dal proprio paese per periodi più o meno lunghi. Naturalmente, prima di scegliere la meta finale, è bene informarsi su una serie di questioni pratiche. Il titolo di studio che andrai ad ottenere è valido in tutta Europa? Quali documenti è necessario presentare? A che livello è bene conoscere la lingua del paese ospitante? È possibile studiare fuori non per un intero ciclo di studi ma solo per un periodo, ad esempio per un solo anno scolastico o accademico?

Ed ecco quindi l'altro punto da tener presente: le condizioni di ingresso variano notevolmente da un paese all’altro, perciò fai in modo di informarti sul sistema di istruzione superiore del paese in cui desideri studiare prima di lasciare il tuo paese. Anche se non ti può essere negato l’accesso alla formazione e all’istruzione in un altro paese UE sulla base della nazionalità, in alcuni paesi europei potrebbe essere necessario sostenere un test in lingua per dimostrare di conoscere la lingua del paese prescelto.

LAVORARE ALL'ESTERO - Se hai completato o stai per completare gli studi, forse desideri verificare la possibilità di lavorare in un altro paese dell’UE. Leggi la Guida Eures per lavorare all'estero

In alcuni paesi gli studi universitari sono gratuiti, mentre in altri possono essere costosi. Se l’università del paese europeo di tua scelta è gratuita, lo sarà anche per te. In ogni caso, non ti potranno essere addebitate tasse più elevate di quelle dei residenti nel paese. Hai inoltre diritto alle stesse sovvenzioni a copertura delle tasse di iscrizione ai corsi.

Vuoi partire per le vacanze? - Leggi la Guida Eures per viaggiare sicuri e sereni

Per quanto riguarda le borse di mantenimento e i prestiti, alcuni paesi li concedono agli studenti stranieri, ma non hai automaticamente diritto ad essi (a meno che non soggiorni nel paese interessato da cinque anni o più). Per maggiori informazioni, rivolgiti ai ministeri dell’Istruzione.

Per saperne di più: Tasse e aiuti economici

ERASMUS+ - Se hai intenzione di compiere una parte dei tuoi studi all’estero, è preferibile che ti rivolga prima alla tua università per sapere quali sono le opportunità disponibili. Al programma Erasmus+ partecipano più di 4 000 istituti superiori di 33 paesi (tutti i paesi dell’UE, l’Islanda, il Liechtenstein, la Macedonia, la Norvegia e la Turchia).

Leggi anche: Assistenza sanitaria all'estero, la guida Eures per sapere come funziona

Quando vai a studiare all’estero tramite Erasmus+, non dovrai pagare tasse di registrazione o iscrizione all’università ospitante. Riceverai inoltre una sovvenzione dell’UE per le spese di soggiorno e di viaggio.

Leggi anche: Shopping on-line: i consigli dall'UE per sapere tutto su costi, diritti e rimborsi

Una volta terminato il periodo di studi all’estero, la tua università di origine dovrà riconoscerne la validità ai fini del diploma, a condizione che completi il programma di studi concordato prima dello scambio.

Per saperne di più: Lo studio all’estero con Erasmus+

STUDI POST-LAUREA CON ERASMUS+ - Erasmus+ ti consente di iscriverti a un programma di diploma post-laurea offerto da università con sede in vari paesi, a volte addirittura fuori dall’Europa. Sono anche disponibili alcune borse di studio per partenariati con università di tutto il mondo, che permettono agli studenti europei di studiare in paesi extra-UE e viceversa.

Per saperne di più: Gli studi post-laurea con Erasmus+

TIROCINI, ISTRUZIONE PROFESSIONALE, FORMAZIONE E RICERCA - I tirocini sono un modo eccellente per migliorare il proprio CV. Un tirocinio all’estero può aiutarti ad acquisire la conoscenza di una lingua o competenze lavorative che magari non riesci ad ampliare nel tuo paese. Se sei uno studente puoi effettuare un tirocinio presso un’azienda all’estero partecipando al programma Erasmus+.

Leggi anche: Università all'estero: dove si studia gratis

Stai seguendo un percorso di istruzione o formazione professionale? Hai appena terminato la formazione e desideri migliorare le tue competenze recandoti all’estero? Il programma Erasmus+ può offrirti un sostegno finanziario. I ricercatori dell’UE possono inoltre occupare posizioni lavorative o formative finanziate da borse di studio e sovvenzioni nazionali anche se non sono cittadini del paese interessato né risiedono in tale paese.

Per saperne di più: I tirocini tramite Erasmus+

Per ulteriori informazioni per studiare o lavorare all’estero, visita il sito Web La tua Europa.