Perché il Capodanno si festeggia la notte del 31 dicembre: origine e storia

Di Redazione Studenti.

Se il Capodanno è il primo dell'anno perché si festeggia la notte di San Silvestro? Origine e storia del Capodanno come lo conosciamo

STORIA DEL CAPODANNO

Storia del Capodanno: perché si festeggia la notte del 31 dicembre
Storia del Capodanno: perché si festeggia la notte del 31 dicembre — Fonte: istock

Il Capodanno, primo giorno dell'anno, cambia da cultura a cultura e da religione a religione. Noi festeggiamo il Capodanno la notte del 31 dicembre, in occasione di San Silvestro: qual è la storia di questa particolare data? Perché il Capodanno si festeggia la notte del 31 dicembre?

PERCHÉ SI FESTEGGIA CAPODANNO

Il primo giorno dell'anno corrisponde al Capodanno nel calendario gregoriano - il nostro calendario e della maggior parte dei paesi occidentali - e in quello giapponese. La storia del Capodanno ha origini pagane: il 1 gennaio è stato considerato il primo giorno dell'anno a partire 46 a.C. con l'introduzione del calendario giuliano. Prima dell'istituzione del calendario promulgato da Giulio Cesare, infatti, il primo giorno dell'anno coincideva con il primo giorno di marzo.

NOTTE DEL 31 DICEMBRE

Come mai si festeggia in occasione del primo dell'anno? I festeggiamenti risalgono alla festa pagana in onore del dio romano Giano - nome da cui deriva quello del mese di Gennaio - che si festeggiava subito dopo i Saturnali, le feste romane per il dio Saturno, che chiudevano l'anno.

Durante i secoli successivi, sebbene molti paesi europei avevano adottato il calendario giuliano che fissava Capodanno il 1 gennaio, in realtà la data del 1 giorno dell'anno cambiava da zona a zona. Per sempio in Inghilterra, Irlanda, Pisa e Firenze il Capodanno di celebrava il 25 marzo. In Spagna, invece, il primo giorno dell'anno era fissato al 25 dicembre, in corrispondenza con il Natale. In Puglia, Calabria e Sardegna si festeggiava il 1 settembre - che equivale al 14 settembre nel calendario gregoriano -.

CAPODANNO 1 GENNAIO

Le diverse date in cui si festeggiava il Capodanno nei paesi europei vennero poi fatte coincidere da papa Innocenzo XII tutte nel 1 gennaio a partire dall'anno 1691. La data del primo giorno dell'anno fissata per il 1 gennaio venne quindi ufficializzata nel calendario gregoriano e questo diede la spinta decisiva per riconoscere il Capodanno nel 1 gennaio. In Italia poi, durante il regime fascista, il Capodanno venne spostato al 28 ottobre - anniversario della marcia su Roma - per poi ritornare al consueto 1 gennaio dopo la caduta della Repubblica Sociale Italiana.

SAN SILVESTRO ORIGINE

È tradizione, in Italia, festeggiare il Capodanno tra la notte del 31 dicembre e il 1 gennaio. È per questo che ci si riferisce spesso alla notte del 31 dicembre, precisamente il giorno di San Silvestro, come al Capodanno. In realtà il 31 dicembre si festeggia San Silvestro ed è da considerarsi la vigilia del vero e proprio Capodanno.