Spese per scuola e università: ecco quelle che puoi portare in detrazione nel 730/2021

Di Marta Ferrucci.

Scopri quali sono le spese degli studenti di scuola e università che le famiglie possono recuperare in parte nella prossima dichiarazione dei redditi 730/2021. Ecco cosa si può portare in detrazione

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2021: LE SPESE DI SCUOLA E UNIVERSITA' DA PORTARE IN DETRAZIONE

Scuola e università: quali spese si possono portare in detrazione per avere il rimborso?
Scuola e università: quali spese si possono portare in detrazione per avere il rimborso? — Fonte: istock

Le spese che famiglie e studenti spendono per l’istruzione – dalla scuola all’università – possono essere portate in detrazione nel 730 del 2021. Sono infatti detraibili dall’Irpef nella misura del 19%.

Le spese che si possono detrarre dal 730/ 2021 sono quelle sostenute nel corso del 2020 e che andranno dichiarate nel prossimo 730. Cosa si può detrarre? Per quali spese si può chiedere il rimborso del 19%?

730/2021: LE DETRAZIONI PER LA SCUOLA

Le famiglie degli studenti che frequentano la scuola possono scaricare:

  • tasse di iscrizione
  • rette scolastiche
  • contributi scolastici
  • i pagamenti della mensa scolastica
  • le spese per corsi di lingua, informatica ecc... sostenute nell'ambito dell'ampliamento dell'offerta scolastica formativa
  • le spese per i viaggi di istruzione
  • spese per il trasporto degli studenti (ad esempio l'abbonamento al trasporto pubblico)

730/2021: LE DETRAZIONI PER L'UNIVERSITA'

Gli studenti universitari o le famiglie degli studenti universitari possono portare in detrazione:

  • le tasse di immatricolazione ed iscrizione (anche per gli studenti fuori corso)
  • le spese per i corsi universitari di specializzazione
  • le spese per i corsi di perfezionamento
  • le spese sostenute per i master universitari
  • le spese per i corsi di dottorato di ricerca
  • le spese di iscrizione presso istituti tecnici superiori (ITS) perché equiparati alle spese universitarie
  • le spese di iscrizione presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali
  • le soprattasse per esami di profitto e laurea
  • le spese sostenute per la partecipazione ai test di accesso ai corsi di laurea
  • le spese sostenute per la frequenza ai Tirocini Formativi Attivi (TFA)
  • le tasse pagate anche per l'iscrizione ad atenei privati. La spesa massima da scaricare però non può superare quella massima che, in base al reddito, si può scaricare per un ateneo statale, in base alle soglie previste dal Miur
  • gli affitti degli studenti fuori sede (se è stato sottoscritto un regolare contratto) a condizione che l'alloggio universitario disti almeno 100km dalla sua residenza.
  • gli studenti fuori sede possono scaricare i costi per altre tipologie di alloggi universitari, cooperative e collegi universitari purchè le spese siano dimostrate da regolari contratti
  • le spese per l'alloggio che si possono portare in detrazione non possono superare i 2.633€
  • le spese per l'alloggio si possono scaricare anche se si frequentano corsi universitari all'estero purché all'interno di un paese della UE

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VAI SUL SITO DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE: