Sintesi capitolo 15 de I promessi sposi, analisi e figure retoriche

Di Redazione Studenti.

Sintesi capitolo 15 de I promessi sposi: breve riassunto, figure retoriche e analisi del lessico usato da Alessandro Manzoni

CAPITOLO 15 PROMESSI SPOSI: SINTESI BREVE

Sintesi capitolo 15 I promessi sposi, figure retoriche e lessico
Sintesi capitolo 15 I promessi sposi, figure retoriche e lessico — Fonte: getty-images

Capitolo XV de I promessi sposi di Manzoni racconta di quando Renzo, ubriaco e stanchissimo, si addormenta in una stanza dell'oste, il quale, siccome si era rifiutato di dire il suo nome, si rivolge alle guardie di Milano, le quali il giorno seguente vanno a prendere Renzo all'osteria e successivamente nella folla dei soliti protestanti, nasce una discussione con le guardie.

CAPITOLO 15 PROMESSI SPOSI: LESSICO

Ecco il lessico usato da Manzoni nel 15 capitolo de I promessi sposi:

  • Ganascia: l'insieme della guancia e della mascella l nella tecnica, nome generico di organi aventi la funzione di stringere o di comprimere: le ganasce di una morsa, le due superfici che accostandosi tra loro serrano il pezzo; ganascia dei freni, organo, ricoperto di materiale resistente all'attrito, che esercita l'azione frenante sulla ruota di un veicolo.
  • Mariolo: persona che si distingue per disonestà e furfanteria l detto spesso di ragazzo capace di azioni non buone, furfantello.
  • Celia: scherzo innocente e leggero.
  • Cavicchio: piolo aguzzo da piantarsi nel muro per appenderci oggetti l legno rotondo di cui si servono gli ortolani per praticare nel terreno i fori dove saranno messe le piantine l bischero di strumento a corda l nel linguaggio marinaresco, cuneo di legno usato per tappare i fori sulle assi del fasciame di nave o altra imbarcazione l in zoologia: cavicchio osseo, prominenza dell'osso frontale dei cavicorni.
  • Allocuzione: discorso solenne diretto a più persone raccolte insieme, su argomenti di una certa importanza.
  • Impiparsi: fare a modo proprio senza badare a quel che possano dire gli altri; è spesso usato con la part. "ne": impiparsene delle convenzioni.
  • Ruzzo: voglia matta di divertirsi, di scherzare, di giocare | voglia capricciosa, ghiribizzo.

CAPITOLO 15, PROMESSI SPOSI: FIGURE RETORICHE

Manzoni, nel capitolo 15 de I promessi sposi, usa spesso la figura retorica della similitudine:

  • Similitudine: "a un di presso come l'ultimo moccolo rimasto acceso d'un'illuminazione, fa vedere gli altri spenti."
  • Similitudine: "Trovandolo poi nuovo affatto del paese, aveva tentato il colpo maestro di condurlo caldo caldo alle carceri, come alla locanda più sicura della città"
  • Similitudine: "Mentre parlava, i due a cui toccava a fare, diedero una girata a' legnetti. Renzo s'acquietò, come un cavallo bizzarro che si sente il labbro stretto tra le morse".
  • Similitudine: "Studiava tutte le maniere di comparire un estraneo che, passando di lì a caso, si fosse trovato stretto nella calca, come una pagliucola nel ghiaccio ".

ASCOLTA LA PUNTATA DEL PODCAST SUL CAPITOLO 15 DEI PROMESSI SPOSI

Ascolta su Spreaker.

GUARDA IL VIDEO SUL CAPITOLO 15 DEI PROMESSI SPOSI