Sicurezza informatica – Cybersecurity: 10 sbocchi di lavoro

10 sbocchi di lavoro che puoi fare con una laurea STEM in informatica e una specializzazione in cybersicurezza o sicurezza informatica

Sicurezza informatica – Cybersecurity: 10 sbocchi di lavoro
getty-images

Sicurezza informatica – Cybersecurity: formazione e i 10 sbocchi di lavoro

Fonte: getty-images

Una specializzazione in sicurezza informatica, o cybersecurity, è un’opportunità imperdibile per mettersi a contatto con le nuove tecnologie senza rinunciare a ottime opportunità lavorative.

Il mondo in costante evoluzione della cybersicurezza è dinamico e quasi inafferrabile: solo gli studenti più volenterosi e desiderosi di continuare a formarsi e apprendere possono tenersi al passo con l’avanzare inarrestabile delle tecnologie dell’informazione. Non solo: lavorare nella sicurezza informatica richiede tanta proattività e capacità di analisi critica delle proprie scelte e di quelle altrui, senza rinunciare al tenersi al passo con le novità sul mercato.

Questa corsa costante è ricompensata da un settore rigoglioso, ricco di offerta, e soprattutto da posizioni lavorative ben remunerate in ogni settore che possa richiedere la protezione dei sistemi o dei dati. Ecco che in questo articolo ti proponiamo 10 sbocchi di lavoro possibili per chi si laurea con questa specializzazione.

Che laurea serve per lavorare nella sicurezza informatica?

Gli esperti di sicurezza informatica non sono tutti uguali, per il semplice fatto che questo settore è tanto vasto quanto lo è, ad esempio, il mondo della meccanica. Un professionista della sicurezza informatica tiene al sicuro i sistemi informatici aziendali da attacchi hacker, dallo spionaggio e verifica la solidità dei sistemi, cercando di arginare le vulnerabilità e le falle.

Un esperto di sicurezza informatica potrebbe essere specializzato nella gestione dei server, mentre un appassionato di criptovalute potrebbe scegliere una specializzazione nella blockchain. Entrambi sono esperti di cybersicurezza, ma con un approccio molto diverso al mestiere e conoscenze tecniche dedicate.

Se per i lavori entry level potrebbe essere sufficiente un diploma di perito informatico, per chi desidera opportunità di carriera interessanti possono essere necessarie:

Con specializzazione nella sicurezza informatica, ovvero con la scelta di un percorso formativo inerente alla protezione dei sistemi, dal punto di vista che si desidera approcciarli.

I dati occupazionali della sicurezza informatica di Almalaurea

Almalaurea ha intervistato (dati 2022) un gruppo di persone che ha conseguito la laurea magistrale in informatica da circa tre anni. Circa il 41% del pool ha partecipato ad almeno un’attività di formazione post-laurea, per farti capire che la formazione non smette mai di essere fondamentale per il settore.

Inoltre, il tasso di occupazione a tre anni dal conseguimento del diploma di laurea circa il 96,2% delle persone sta lavorando. Una percentuale straordinaria che fa pensare all’importanza dei laureati STEM specializzati in sicurezza informatica nell’ecosistema lavorativo.

Circa il 65% degli intervistati ha conseguito un lavoro a tempo indeterminato, e nel 64% dei casi questo lavoro è svolto nell’ambito desiderato, ricoprendo una posizione altamente specializzata.

CISO: Chief Information Security Officer

Il CISO, acronimo di “Chief Information Security Officer” è la figura professionale di riferimento quando si pensa agli sbocchi di lavoro nelle lauree dedicate alla sicurezza informatica. Di solito questo professionista ha la responsabilità di proteggere informazioni e dati sensibili dei sistemi di un’azienda o di un’organizzazione. Tra i suoi compiti ci sono la gestione dei rischi informatici, l’implementazione di controlli tecnici e la supervisione delle pratiche di monitoraggio.

Essendo una figura manageriale, il CISO collabora con altri dipartimenti aziendali per garantire che le pratiche di sicurezza vengano rispettate. Del resto, nella maggior parte dei casi la più grande falla nei sistemi informatici sono gli impiegati con una conoscenza informatica limitata che aprono email dannose o comunque intervengono con operazioni rischiose sui sistemi.

DPO, Data Protection Officer

Il GDPR (General Data Protection Regulation) non ha segreti per il Data Protection Officer. Questa figura professionale comprende le istanze presenti nel regolamento dell’UE in materia di trattamento dei dati personali e della privacy e si occupa degli aspetti cyber e degli aspetti legali concernenti la protezione dei dati.

Questa figura può essere interna o esterna all’azienda e in generale tra i suoi compiti troviamo il monitoraggio dell’organizzazione, tramite il quale il DPO garantisce che il GDPR venga rispettato (pena multe molto salate o peggio) e offre servizi di consulenza interna.

ICT Security Manager

L’ICT Security Manager si occupa di analizzare e catalogare le potenziali minacce sui sistemi aziendali al fine di sviluppare la necessaria documentazione e le procedure idonee a proteggerli. Sarà poi il CISO a farle rispettare.

Tieni presente che questa posizione potrebbe essere condensata all’interno di altre figure professionali, in base anche e soprattutto all’ampiezza dei sistemi informatici e alle dimensioni aziendali. Una PMI (piccola media impresa) non avrà bisogno di un ICT Manager, per esempio, ma potrebbe giovare di un professionista simile, con capacità interdisciplinari e abilità trasversali.

Hacker Etico

L’hacker etico è una figura professionale che sta prendendo piede negli ultimi anni, e che si occupa di rafforzare i sistemi aziendali o governativi cercando attivamente le falle nel sistema.

L’ethical hacking è da considerare una delle nuove frontiere della sicurezza informatica: molto spesso ci si trova del tutto impreparati davanti alle emergenze. Un hacker etico può un professionista  a mettere in pratica tutto ciò che ha imparato sui libri.

Analista di sicurezza informatica

I security analyst sono figure professionali che pianificano e mettono in pratica le misure di sicurezza per proteggere le reti e i sistemi di un’azienda. Potrebbero anche essere le figure preposte alla pianificazione di disaster recovery o svolgere test di penetrazione per identificare i punti deboli dei sistemi.

DevSecOps Expert

Il DevSecOps è un esperto di sicurezza specializzato nell’applicazione e nei processi di sviluppo software. Questo professionista sviluppa politiche di sicurezza, effettua test e automatizza i processi di sicurezza nell’ambiente DevOps.

Security Specialist

Il compito di un security specialist è quello di proteggere le informazioni da furti o duplicazioni e bloccare gli accessi non autorizzati, tamponando eventuali fughe di dati o di strategie.

Vulnerability Assessor

Il vulnerability assessment analyst analizza i sistemi attraverso strumenti e tecniche di assessment per individuare potenziali debolezze che potrebbero comprometterli. I suoi report vengono usati da altre figure professionali qui elencate per migliorare le procedure.

Cryptographer

Il Cryptographer protegge i codici dei cifrari, degli algoritmi e di altri sistemi attraverso la crittografia. Il suo lavoro è quello di progettare algoritmi crittografici e implementarli, oltre a valutare i livelli di sicurezza.

Security Architect

Il security architect progetta soluzioni di sicurezza informatica e anticipa le potenziali mosse di chi ha intenzioni sospette  sui sistemi aziendali.

Forensics expert nella sicurezza informatica

Una volta effettuate le corrette valutazioni di sicurezza, il forensics expert si occupa ad analizzare eventi ed evidenze di un fatto informatico criminale compiuto. Il suo dovere è esaminare la situazione e verificare cos’è successo e com’è successo. Un forensics expert potrebbe anche lavorare come consulente per uno studio legale, oltre che per un’azienda di consulenza informatica.

Leggi altri contenuti in ambito STEM

Un consiglio in più