Scuola: incentivi sessuali per studiare di più

Di Valeria Roscioni.

Faceva sesso con un suo studente per aiutarlo ad applicarsi di più. Questo il metodo di un’insegnante di Vicenza

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

SCUOLA: INCENTIVI SESSUALI PER STUDIARE DI PIU’. Sesso in cambio di impegno e buona volontà. Questo il metodo che sarebbe stato scelto da un’insegnante di Vicenza per fare in modo che il suo studente sedicenne si applicasse maggiormente negli studi. La donna, una psicologa di trentuno anni, dava ripetizioni private al ragazzo e, stando a quanto riportato dalla sezione locale de Il Giornale, avrebbe scelto questo metodo alternativo dopo essersi accorta che il suo allievo aveva un certo debole per lei.

Prima volta, istruzioni per l'uso

SESSO CON LA PROF: ECCO COSA E' ACCADUTO. Quella raccontata dal sito di notizie è una scandalosa vicenda ai limiti dell’incredibile. L’accordo, per cui in cambio di un maggiore impegno nello studio l’insegnante offriva al sedicenne prestazioni sessuali, sarebbe stato infatti scoperto dal padre di lui che, rientrato in anticipo rispetto al solito orario, avrebbe trovato suo figlio e la prof nella doccia di casa. Le ripetizioni sono quindi state immediatamente interrotte e solo l’intervento del parroco del paese avrebbe evitato alla donna, comunque licenziata dalla cooperativa per cui lavorava, una denuncia. Lo studente, invece, ha superato gli esami di riparazione di settembre e ha iniziato l’anno senza debiti formativi.