Seconda prova maturità 2018: guida per l’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazioni

Di Elisa Chiarlitti.

Maturità 2018: tutto sulle tracce della seconda prova per l'istituto tecnico in Grafica e Comunicazioni. Cosa devi sapere su struttura, svolgimento e prove degli anni passati

Gli studenti del quinto anno delle superiori saranno impegnati con la maturità 2018 a partire dal 20 giugno, giorno fissato per la prima prova. La seconda avrà luogo il giorno successivo ed è di norma la più temuta tra gli studenti. Arrivare preparati al 21 giugno non è difficile come sembra: l'importante è muoversi anticipatamente, ripassare le materie previste e allenarsi con le tracce Miur degli anni passati. Se sei uno studente dell'Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione questa guida ti aiuterà a prepararti alla seconda prova di maturità 2018.

  1. Maturità 2018: tutto sulla seconda prova per l’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione
  2. Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione: le materie per la seconda prova
  3. Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione: struttura della seconda prova


1. MATURITÀ 2018: TUTTO SULLA SECONDA PROVA PER L’ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE

La seconda prova, tra i diversi scritti dell’esame di Maturità, è quello che probabilmente spaventa di più gli studenti italiani giunti al quinto anno di scuola superiore. Il motivo è semplice: devono confrontarsi in maniera piuttosto approfondita con una delle materie più importanti del proprio indirizzo, quelle su cui i professori sono di certo più esigenti.
L’ansia cresce negli studenti degli indirizzi introdotti dalla Riforma Gelmini nell’anno scolastico 2010/2011 che hanno affrontato solo nel 2015 la loro prima Maturità e che non hanno molte tracce degli anni precedenti con cui confrontarsi.
Tra questi troviamo l’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione – l’ex tecnico industriale ad indirizzo telecomunicazioni, arti grafiche – la cui offerta formativa si compone di due diversi percorsi:

  • Grafica e comunicazioni
  • Grafica e comunicazioni opzione Tecnologie cartarie


2. ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE: LE MATERIE PER LA SECONDA PROVA

Seconda prova 2018 Istituto tecnico Grafica e Comunicazione
Seconda prova 2018 Istituto tecnico Grafica e Comunicazione — Fonte: istock

Prima di aiutarti a comprendere come sarà strutturata la traccia della seconda prova per l’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazioni, abbiamo pensato fosse utile soffermarci su un aspetto: le materie caratterizzanti. Si tratta di quelle discipline, indicate dal Miur per ogni indirizzo di scuola superiore, che possono costituire l’oggetto del secondo scritto di Maturità. Nel caso specifico dell’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione si tratta delle seguenti:

Grafica e comunicazioni

  • Progettazione multimediale
  • Tecnologia dei processi di produzione
  • Laboratori tecnici

Grafica e comunicazioni opzione Tecnologie cartarie

  • Tecnologie dei processi di produzione e laboratorio
  • Impianti di cartiera e disegno
  • Laboratori tecnici

Il Miur ogni anno, verso la fine di gennaio, sceglie quale saranno le discipline che gli studenti di ciascuno degli indirizzi di scuola superiore dovranno affrontare nella all’Esame di Stato. Nello specifico, per questa Maturità dello scorso anno le materie per la seconda prova dell'Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione scelte dal Miur sono state le seguenti:

  • Grafica e Comunicazioni: Progettazione multimediale
  • Opzione Tecnologie cartarie: Impianti di cartiera e disegno


3. ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE: STRUTTURA DELLA SECONDA PROVA

Dopo aver visto quali sono le materie che possono essere oggetto della seconda prova per l’Istituto Tecnico Grafica e Comunicazione, è il momento di scoprire come questa sarà strutturata.
Il Miur ha specificato che le modalità di svolgimento del secondo scritto terranno conto della dimensione tecnico-pratica e laboratoriale di questo indirizzo. Per svolgere la seconda prova avrai a disposizione 6 ore, salvo diverse indicazioni date il giorno dell'esame.

Durante il secondo scritto di Maturità dovrai portare a termine una traccia divisa in due parti: una da svolgere per intero, e un’altra costituita da quesiti. Non dovrai rispondere ad ognuno di essi, ma potrai scegliere le domande con cui cimentarti in base a quanto contenuto nel testo della traccia; in questo modo potrai scartare almeno uno dei quesiti sui quali ti senti meno preparato.

La seconda prova maturità sarà strutturata in una delle seguenti tipologie:

  • analisi di problemi tecnologico-tecnici;
  • analisi di caratteristiche di macchine e apparecchiature;
  • ideazione e progettazione di componenti e prodotti delle diverse filiere;
  • analisi di processi tecnologici di produzione, gestione e controllo qualità;
  • sviluppo di strumenti per l’implementazione di soluzioni dei processi produttivi;
  • gestione di attività produttive e del territorio.

Hai ancora qualche dubbio? Per rendere il discorso ancora più comprensibile, qui di seguito puoi consultare le tracce della seconda prova della Maturità 2015, della Maturità 2016 e della Maturità 2017 le uniche finora sulle quali possiamo basarci per saperne di più. Dare un’occhiata a questi testi ti sarà utile per comprendere a fondo la struttura dello scritto con cui dovrai confrontarti il 21 giugno.