Seconda prova Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie Maturità 2020: materie e tracce

Di Elisa Chiarlitti.

Tecnico Chimica, materiali e biotecnologie: tutto quello che c'è da sapere per affrontare la seconda prova a partire dalle tracce degli anni passati

SECONDA PROVA MATURITÀ ISTITUTO TECNICO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

La seconda prova di maturità 2020 si svolgerà contemporaneamente in tutta Italia il 18 giugno: è il secondo scritto dell'esame di Stato e ha per oggetto le materie che il MIUR ha indicato nel DM del 30 gennaio 2020, discipline scelte tra quelle caratterizzanti di ogni indirizzo di studio. 

Come funziona la seconda prova? Se sei uno studente dell'Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie di seguito troverai tutte le informazioni per affrontare il secondo scritto della maturità 2020.

  1. Maturità 2020: tutta sulla seconda prova per l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie
  2. L’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie: materie per la seconda prova
  3. Struttura seconda prova 2020 per l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie


1. MATURITÀ 2020: TUTTA SULLA SECONDA PROVA PER L’ISTITUTO TECNICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

Gli studenti dell’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie a giugno - precisamente il 18 - dovranno affrontare la seconda prova di maturità 2020 avendo ben pochi esempi di prove precedenti a cui aggrapparsi.
Il motivo è semplice: questo indirizzo di scuola superiore è uno di quelli inseriti a partire dall’anno scolastico 2010/2011 grazie alla Riforma Gelmini. Ha preso il posto dell’ex Istituto tecnico industriale (indirizzo di chimica) e presenta tre articolazioni, una delle quali si suddivide in due diverse opzioni, per un totale di quattro percorsi differenti:

  • Chimica e materiali
  • Chimica e materiali opzione Tecnologie del cuoio
  • Biotecnologie ambientali
  • Biotecnologie sanitarie

I primi studenti dell’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie ad affrontare la Maturità, e quindi la seconda prova, sono stati quelli che sono arrivati al quinto anno di scuola superiore nell’anno scolastico 2014/2015. Ci sono ancora poche tracce degli anni passati, quindi, da cui prendere spunto per saperne di più sul secondo scritto di questo Istituto Tecnico.
Qui di seguito trovi le indicazioni necessarie per capire come sarà strutturata la seconda prova di Maturità per l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie e come affrontarla nel migliore dei modi.


2. SECONDA PROVA CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

La prima cosa da sapere quando si parla di seconda prova di Maturità è scoprire quali sono le materie caratterizzanti, quelle cioè che possono essere oggetto d’esame. Per quanto riguarda l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie, ogni articolazione/opzione ne presenta 3 diverse. Scopriamole insieme:

Chimica e materiali

  • Chimica analitica e strumentale
  • Tecnologie chimiche industriali
  • Chimica organica e biochimica

Chimica e materiali Opzione Tecnologie del cuoio

  • Chimica analitica e analisi applicate
  • Chimica organica e biochimica
  • Tecnologie e biotecnologie conciarie

Biotecnologie ambientali

  • Biologia, microbiologia e tecnologie di controllo ambientale
  • Chimica analitica e strumentale
  • Chimica organica e biochimica

Biotecnologie sanitarie

  • Chimica organica e biochimica
  • Biologia, microbiologia e tecnologie di controllo sanitario
  • Igiene, anatomia, fisiologia, patologia

Nello specifico, le materie della seconda prova per l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie scelte dal MIUR per il 2020, sono:

  • Articolazione Chimica e materiali: Tecnologie chimiche industriali e chimica analitica e strumentale
  • Articolazione Chimica e materiali – Opzione Tecnologie del cuoio: Tecnologie e biotecnologie conciarie e chimica analitica e analisi applicate
  • Articolazione Biotecnologie Ambientali: biologia, microbiologia e tecnologie controllo ambientale e chimica analitica e strumentale
  • Articolazione Biotecnologie Sanitarie: Biologia, microbiologia, tecnologie del controllo sanitario e chimica organica e biochimica

3. STRUTTURA SECONDA PROVA 2020 PER L’ISTITUTO TECNICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

Seconda prova 2020: Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie
Seconda prova 2020: Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie — Fonte: istock

Quando si parla della seconda prova spesso si fa riferimento solo alle materie che vengono scelte ma ci sono anche altre informazioni da sapere, come per esempio il tempo che si ha a disposizione, le competenze richieste e le tipologie per svolgere la seconda prova.

Per gli studenti degli Istituti Tecnici Tecnologici (e quindi anche per Chimica, Materiali e Biotecnologie), il Regolamento del Miur prevede che la seconda prova sia composta da una prima parte da svolgere nella sua interezza e da una seconda parte nella quale sono presenti dei quesiti tra cui scegliere. Per svolgere la seconda prova si hanno a disposizione sei-otto ore, salvo diverse indicazioni fornite il giorno dell’esame.

Per quanto riguarda le competenze verificate nel corso dello scritto, il Miur indica per gli Istituti Tecnici tecnologici quelle in ambito tecnologico-aziendale, insieme alla capacità di analisi tecnologico-tecniche, scelta, decisione su processi produttivi, ideazione, progettazione e dimensionamento di prodotti, individuazione di soluzioni e problematiche organizzative e gestionali.

Nello specifico, se sei uno studente dell’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie, dovrai confrontarti in seconda prova con diverse tipologie.

Per avere un'idea più precisa degli argomenti d'esame e dei criteri di valutazione nazionali per questo indirizzo, leggi questo approfondimento

Cosa significa? Per aiutarti a comprendere meglio a livello meno teorico e più pratico come sarà strutturata la seconda prova di Maturità per l’Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie, abbiamo deciso di lasciarti qui di seguito le tracce scelte dal Miur per l’Esame di Stato 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019. Eccole di seguito: