“Alla fine della lezione ho allargato le braccia per contenerli tutti in un grande abbraccio virtuale. E loro hanno fatto lo stesso”

Di Marta Ferrucci.

Le classi virtuali sono utili ma il contatto umano è in aula. Ecco la testimonianza di una docente siciliana.

"La didattica online è senz’altro un valido strumento da saper usare, dosare e adeguare alle diverse circostanze"

Dalla Sicilia una prof.ssa di scuola media (ci ha chiesto di rimanere anonima) ci racconta che la didattica online nel suo istituto è stata attivata già cinque anni fa. Il Dirigente scolastico ha curato la formazione dei docenti e ha poi invitato ciascuno a sperimentare nelle classi quanto appreso, affiancando lezioni frontali a momenti di didattica online. “Questo ha fatto sì che l’emergenza Covid19 non ci cogliesse impreparati - ha dichiarato la docente che insegna materie letterarie -  avendo già dimestichezza con piattaforme come Weschool ed Edmodo”.

La didattica online è senz’altro un valido strumento da saper usare, dosare e adeguare alle diverse circostanze ma non può sostituirsi alla lezioni frontale in aula: “E’ qui che c'è il contatto umano, è qui che si percepisce l'emozione con un solo sguardo. Stamattina in video lezione si sono collegati quasi tutti gli studenti ed è stato bello vederli e sentirli. Alla fine ho allargato le braccia per contenerli tutti in un grande abbraccio e loro hanno fatto lo stesso!