Scuola: ecco come si torna in estate

Di Redazione Studenti.

Un piano in tre fasi per tornare a scuola d'estate: ecco come funziona, chi partecipa, come si svolge e in cosa consiste

SCUOLA D'ESTATE

Era stato annunciato ed è arrivata la conferma: si torna a scuola d'estate. Il piano varato dal Governo per 510 milioni (150 milioni dal decreto sostegni, 320 dal PON per la scuola, 40 dai finanziamenti per il contrasto delle povertà educative) coinvolgerà studenti della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado.

Tutti in classe, quindi, in tre fasi diverse. Vediamo come funziona il piano e chi rientrerà sui banchi in estate.

PIANO SCUOLA D'ESTATE

Abbiamo detto che le fasi in campo saranno tre:

  • I Fase: Rinforzo e potenziamento delle competenze disciplinari e relazionali - giugno 2021
    Sono previsti Summer School e stage; gruppi di apprendimento con tutoraggio di pari, di studenti universitari, di esperti o docenti; imprese simulate; simulazione di processi e situazioni complesse anche con l’utilizzo di software dedicati.
  • II Fase: Rinforzo e potenziamento competenze disciplinari e della socialità - luglio-agosto 2021
    Le attività C.A.M.PU.S. (Computing, Arte, Musica, vita Pubblica, Sport) sono un'opportunità per riavvicinare il mondo della scuola ad attività particolarmente penalizzate durante la crisi pandemica. Potranno essere realizzati piani per le attività sportive in contesti sportivi scolastici, con la collaborazione degli Organismi sportivi affiliati al Coni e al Cip, anche in prosecuzione di progetti già avviati.
  • III Fase: Rinforzo e potenziamento competenze disciplinari e relazionali con introal nuovo anno scolastico - settembre 2021
    Saranno avviate attività laboratoriali o momenti di ascolto, sportelli informativi tematici o di supporto psicologico o, nel caso di materie afferenti specificatamente all’inclusione, potenziando il ruolo dei CTS e di sportelli ad hoc (ad es. sportelli per l'autismo). Saranno avviati laboratori e attività di peer tutoring, anche autogestiti dagli studenti e supervisionati da docenti tutor, avvalendosi delle innovazioni didattiche di cui si è fatta esperienza nell’ultimo anno: didattica blended, one to one, cooperative learning

CHI TORNA A SCUOLA D'ESTATE

Allo stato attuale, la partecipazione di docenti e studenti è volontaria.

Il Ministero dell'Istruzione ha attivato un sito con la raccolta delle informazioni, un help desk dedicato alle scuole, una campagna informativa e partecipativa con l’hashtag #lascuoladestate, mentre qui trovate la mappa delle scuole che parteciperanno.

Fonte: getty-images