Scuola, confermato il rientro il 7 gennaio al 50% con nuove fasce orarie. Ecco le modalità

Di Marta Ferrucci.

Si torna a scuola almeno al 50% secondo l'accordo tra le regioni, anche se c'è chi è pronto per ripartire al 75% in presenza. Nuove fasce orarie.

7 GENNAIO, COME SI TORNA A SCUOLA

Come sarà il rientro a scuola il 7 gennaio 2021
Come sarà il rientro a scuola il 7 gennaio 2021 — Fonte: istock

L'accordo tra le regioni prevede che dal 7 gennaio gli studenti delle scuole superiori di secondo grado tornino a scuola in presenza almeno al 50%. Alcune regioni come la Toscana e l'Emilia-Romagna sarebbero pronte addirittura per un rientro in presenza al 75%. Sarebbero queste le nuove disposizioni nonostante il DPCM dello scorso 3 dicembre stabiliva che, per quella data, il rientro sarebbe stato per tutti al 75%, senza se e senza ma. E ora? Ecco gli step che hanno portato alla nuova decisione:

  • Il 23 dicembre è stato firmato un accordo tra Regioni ed enti locali in cui si stabilisce che le superiori rientreranno al 50%.
  • Le scuole superiori adotteranno "forme flessibili dell'attività didattica" -così è scritto nell'accordo - affinchè dal 7 al 15 gennaio venga garantita l'attività didattica in presenza al 50% degli studenti. Il restante 50% reimane in DAD ma sotto questa percentuale in presenza non si può scendere.
  • Il Viminale precisa che il 50% in presenza è un elemento fisso sotto il quale non si può scendere ma neanche salire. 
  • Dunque la didattica in presenza al 50% non è più di una scelta che sta in mano ai presidi. Marco Bruschi, capo dipartimento del Ministero dell'Istruzione, ha infatti inviato agli uffici scolastici una nota in cui si precisa che Ricordo che "si tratta di disposizioni non derogabili. Il prezioso lavoro che tutti avete svolto per rispettare il 75% è, di fatto, rinviato".
  • Si parte con il 50% in presenza ma l'obiettivo è di arrivare al 75%.

RIENTRO A SCUOLA, ECCO LE NUOVE FASCE ORARIE

I documenti operativi dei prefetti prevedono la differenziazione degli orari di ingresso e di uscita dalle scuole e altre soluzioni calibrate:

  • orari di entrata e di uscita 8-14 e 10-16 ma con flessibilità in entrata (7.45 piuttosto che le 8.30 e così via)
  • attività didattica spalmata su 6 giorni con turni di frequenza anche il sabato
  • ora scolastica di 45/50 minuti

ORGANIZZAZIONE SCUOLA E TRASPORTI: TUTTO PRONTO PER IL 7

La Ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha dichiarato su Rai 1 che "Tutti i modelli organizzativi" nella scuola e nel trasporto "devono essere pronti perché le scuole secondarie aprano in presenza al 75% dal 7 gennaio". Tutti d'accordo tranne il Presidente della Regione Campania De Luca che ha già annunciato che il 7 gennaio nella sua regione le scuole non riapriranno in presenza. 

RIAPERTURA SCUOLE, LE CRITICITA'

Quali sono le criticità che ancora si prospettano all'orizzonte? Nonostante le settimane, i mesi a disposizione, sembra essere ancora insufficiente la riorganizzazione dei trasporti. Alle scuole è stato quindi chiesto di scaglionare gli orari di ingresso e di uscita.

Preoccupazioni sollevate anche dal virologo Roberto Burioni, che teme un intensificarsi della variante inglese del Covid-19 nelle scuole, dal momento che i bambini e i ragazzi sembrerebbero i più esposti.