Quale scuola superiore scegliere per trovare lavoro: i diplomi più efficaci

Di Chiara Casalin.

Stai affrontando la scelta della scuola superiore? Scopri quali sono i diplomati che trovano lavoro prima, quelli più ricercati e quanto guadagnano secondo l'indagine Almadiploma 2016

DIPLOMI E SCUOLE PER TROVARE LAVORO

Quale scuola superiore scegliere per trovare lavoro
Quale scuola superiore scegliere per trovare lavoro — Fonte: istock

Durante l'ultimo anno della scuola secondaria di primo grado gli studenti si trovano davanti a una decisione molto importante: la scelta della scuola superiore in occasione delle iscrizioni a scuola del prossimo anno scolastico. Tra l'orientamento e gli open day nelle scuole c'è anche chi vuole farsi guidare dalle prospettive future e cioè scegliere di conseguire uno dei diplomi più richiesti nel mondo del lavoro. Quali sono le scuole che fanno trovare prima lavoro? A risponderci è l‘indagine “AlmaDiploma 2014 sulla Condizione occupazionale e formativa dei diplomati”, che ha fotografato la situazione dei diplomati nel mercato del lavoro ad uno, tre e cinque anni dal diploma. Lo studio ha coinvolto circa 90.000 diplomati degli anni 2013, 2011 e 2009. Vediamo insieme cosa dicono i risultati dell’indagine, anticipati da Il Sole 24 Ore!

ORIENTAMENTO TERZA MEDIA, PROSPETTIVE LAVORO DIPLOMATI

Secondo lo studio ad un anno dal diploma ha trovato lavoro il 39% dei diplomati degli istituti professionali e il 38% degli istituti tecnici, mentre la percentuale si abbassa notevolmente per i diplomati dei licei (20,5%), ma questo anche perché quasi il 92% di loro decide di iscriversi all’università.
Sono quindi i diplomati degli istituti tecnici e professionali a trovare lavoro prima, e vengono premiati anche dal punto di vista dello stipendio.

PROSPETTIVE GUADAGNO DIPLOMATI – Per quanto riguarda le prospettive di guadagno infatti, secondo Almadiploma ad un anno dal diploma i diplomati che lavorano ricevono uno stipendio medio di 965 euro al mese (920€ per i liceali, 954€ per i tecnici e 1.022 euro per i professionali). Da notare è che i diplomati maschi ad un anno dal diploma guadagnano il 12% in più delle ragazze. A tre anni dal diploma il guadagno mensile sale e raggiunge la media complessiva di 1.082 euro al mese (i ragazzi guadagnano il 10% in più delle ragazze) e a cinque anni dal diploma i diplomati maschi guadagnano in media 1.266 euro al mese, mentre le femmine 1.100 euro.

Da non perdere: Come scegliere la scuola superiore, guida alle scuole e all'iscrizione

TASSO DISOCCUPAZIONE DIPLOMATI – Venendo al tema della disoccupazione, dai dati 2014 emerge che ad un anno dal diploma risulta disoccupato il 36% dei diplomati: 31% dei liceali e il 44,5% dei professionali (questi ultimi però sono i più esposti perché molti di loro decidono di cercare lavoro subito dopo il diploma). A tre anni dal diploma il tasso di disoccupazione dei diplomati è del 25%, mentre a cinque anni dal diploma scende al 20% (16% per i liceali).

DIPLOMATI INTROVABILI - Mentre molti diplomati non trovano subito lavoro, dall’ultima indagine Excelsior di Unioncamere e del Ministero del Lavoro risulta che nel 2014 le imprese hanno cercato circa 20-25.000 profili tecnici che però non sono riusciti a reperire. I “diplomati introvabili”, cioè quelli che le aziende vorrebbero assumere ma che non trovano, sono i diplomati dell’indirizzo termoidraulico, dell’indirizzo artistico e del tessile, abbigliamento e moda.

Scegliere la scuola superiore, tutto sugli istituti professionali

DIPLOMATI PIU’ RICHIESTI

Veniamo infine ai diplomati più richiesti. I profili più richiesti in generale dalle aziende sono stati quelli di ambito amministrativo-commerciale (più di 48.000 assunzioni), ai quali seguono i diplomati dell’indirizzo turistico-alberghiero (41.400 assunzioni, per lo più stagionali) e quelli dell’indirizzo meccanico (20.200 assunzioni).
Nel 2014 i diplomi più richiesti sono stati quelli degli indirizzi tecnico-industriale, e in particolare degli indirizzi meccanico, elettrotecnico, edile, agrario-alimentare ed elettronico.
Anche gli indirizzi “terziari”, cioè legati ai servizi, sono molto ricercati. Fra questi in particolare l’indirizzo turistico-alberghiero e quello socio-sanitario.