Scelta dell’università: tutti i fattori che devi considerare

Come decidere il percorso di studi da seguire dopo il diploma: tutti i fattori da considerare nella scelta dell'università

Scelta dell’università: tutti i fattori che devi considerare
getty-images

Scelta dell’università: tutti i fattori che devi considerare

Come scegliere l'università e il percorso di laurea
Fonte: getty-images

La scelta del percorso accademico post diploma può essere molto ardua, a meno che non si hanno già le idee chiarissime su quello che si vuole diventare ed essere nella propria vita professionale. Anche in quel caso, comunque, pur non avendo dubbi sulla facoltà, ci si chiede spesso quale università scegliere, pubblica o privata, un Ateneo piuttosto che un altro, in base alle proprie esigenze.

È tutto nella norma, non ti spaventare, i dubbi sono all’ordine del giorno, soprattutto per una decisione così importante. Ci sono differenti fattori da considerare ed è necessario cercare a volte un compromesso tra le proprie inclinazioni, capacità, opportunità offerte del percorso scelto e potenzialità. Gli sbocchi occupazionali disponibili sono chiaramente uno degli elementi che influisce maggiormente sulla scelta del percorso, che non sempre può essere guidata solo ed esclusivamente dalla passione per lo studio.

La scelta dell’università giusta è un investimento importante per il futuro, richiede impegno, motivazione e costanza e non bisogna sbagliare; non sempre è facile cambiare percorso, o comunque richiede una perdita di tempo e denaro non indifferente. È utile capire quali sono le cose che si amano davvero, le proprie passioni, i propri obiettivi professionali, informarsi sui vari corsi di studio che si avvicinano maggiormente ai propri interessi e ambizioni, leggendo le varie materie proposte nei tre o cinque anni del percorso formativo che porta alla laurea. Un altro aspetto fondamentale da considerare riguardi i costi, ma anche la distanza da casa, i docenti, i servizi offerti e molto altro ancora.

I servizi offerti dall'università

Una seconda chiave che può aiutare nella scelta dell’Ateneo giusto, riguarda i servizi che lo stesso offre. È importante tenere sempre a mente che l’università supporta i percorsi di crescita degli studenti e offre differenti servizi, essendo uno spazio in cui vivere l'intera giornata.

Le varie aree tematiche e attività proposte assicurano ai giovani un’ottima esperienza formativa e personale: gli spazi dedicati alle aule studio, alle biblioteche, oppure ancora i laboratori, le attività sportive, le aule informatiche, i campus studenteschi. E poi gli Atenei, alcuni più di altri, offrono servizi di orientamento, mobilità internazionale (come l’Erasmus), tutoraggio per studenti, centri di lingue e altri percorsi personalizzati che possono far pendere la scelta verso un’università piuttosto che un’altra.

Scelta dell’università: docenti ed esperienze di altri studenti

Un altro aspetto che può incidere parecchio sulla scelta riguarda le figure professionali che accompagnano lo studente durante il suo percorso. Devono essere un punto di riferimento nelle materie, soprattutto quelle fondamentali per il corso scelto. Per questo può essere utile consultare i curriculum dei docenti, informarsi sulla loro esperienza e su eventuali loro pubblicazioni.

Un altro aspetto che può aiutare nella scelta è ascoltare le parole di persone vicine, di cui ci si fida, oppure di studenti che frequentano la stessa facoltà o università.

Nessuna storia è uguale a un’altra, questo è vero, ci sono percorsi e docenti che per alcune persone sembrano cuciti su misura e per altre invece sono intollerabili.

Però sentire le testimonianze di altri può servire comunque per farsi un’idea sulla scelta dell'università perfetta.

Gli sbocchi lavorativi e le opportunità di stage

Come abbiamo detto in apertura, una delle prime cose da valutare prima di iscriversi all’università riguarda i possibili sbocchi occupazionali, ma non è tutto. Gli Atenei in genere stringono accordi con enti, istituti e aziende disponibili ad accogliere studenti per il tirocinio ed, eventualmente, per l’assunzione post laurea. La realizzazione personale è molto importante nella vita, per questo la scelta dell’università non può non considerare l’aspetto occupazionale.  

Campus universitario si o no?

Siamo soliti vedere in TV i classici college americani e sognare quella "vita da studenti". Vivere dentro e fuori l’università con i proprio compagni di corso, trascorrere le giornate a studiare e le serate e nottate negli spazi del campus, condividendo le aree comuni con centinaia o migliaia di altri studenti, comprese anche le camere e/o gli appartamenti, se disponibili. Un’esperienza speciale, oltre che formativa a livello scolastico, utile anche per crescere personalmente, maturando.

La posizione dell’Ateneo è infatti un altro fattore che pesa nella scelta: è facilmente raggiungibile con i mezzi da casa propria? Oppure attorno ci sono appartamenti e strutture adatte per gli studenti, a prezzi accessibili? Anche questo è un aspetto da non sottovalutare, oltre alla volontà di voler affrontare da soli, almeno inizialmente, il peso della distanza da casa e dalla famiglia.

Scelta dell'università: i costi

Sotto questo aspetto i genitori sono coinvolti in prima linea, il lato economico è un fattore molto importante da considerare per scegliere l’università giusta. Il prezzo della retta pesa sul bilancio famigliare, motivo per il quale è fondamentale prendere una decisione ben ponderata da questo punto di vista. Può esserti utile anche questo Test Orientamento universitario: scopri per quale facoltà sei più portato 

Ci sono studenti, soprattutto fuorisede, che per poter aiutare i genitori e contribuire quindi al pagamento degli studi, del vitto e dell’alloggio, lavorano mentre studiano. Una scelta di certo coraggiosa, ma che per molti è fondamentale per potersi permettere di studiare oppure di frequentare un’università ritenuta prestigiosa, con docenze d’eccellenza e servizi al top.

La formazione si paga, sempre e comunque, ma c’è una netta distinzione da fare tra università statali e private: nelle prime i contributi universitari dipendono dal reddito della famiglia e dalla valutazione sul merito dello studente, quindi i costi variano in base a quanto un nucleo famigliare può permettersi di spendere, al contrario di quel che accade per le università private, dove i costi fissi non sono certo alla portata di tutti. Nel pubblico è possibile ottenere anche borse di studio ed eventuali esenzioni parziali o totali dal pagamento delle rette).

Il piano di studi e il colloquio di orientamento

Nella scelta dell’università, uno strumento che può essere molto utile è il colloquio di orientamento. Un percorso che può servire per prendere una decisione consapevole.

È un passo importante anche per riuscire a individuare un eventuale primo punto di riferimento nell’enorme mondo accademico, che per le matricole spesso è un labirinto difficoltoso e intricato.

Un ultimo consiglio utile per fare una scelta dell’università più sicura e consapevole: leggere il piano di studi, per scoprire tutte le materie, i crediti formativi fondamentali per raggiungere il traguardo finale, eventuali laboratori e altri metodi di apprendimento, le materie più specializzanti. Anche questo può aiutare a scegliere se affrontare lo stesso percorso di laurea in un Ateneo piuttosto che un altro.

Ascolta il podcast sull'orientamento universitario

Ascolta su Spreaker.

Leggi altri contenuti su Orientamento post diploma

Cosa fare dopo il diploma? Guarda il video

Un consiglio in più