S'i fosse foco, arderei 'l mondo: analisi e parafrasi della poesia di Cecco Angiolieri

Di Redazione Studenti.

S'i fosse foco, arderei 'l mondo di Cecco Angiolieri: di cosa parla la poesia, quali sono i temi e commento al testo poetico

CECCO ANGIOLIERI, S'I FOSSE FOCO, ARDEREI'L MONDO

Cecco Angiolieri è l'autore di S'i fosse foco arderei'l mondo
Cecco Angiolieri è l'autore di S'i fosse foco arderei'l mondo — Fonte: getty-images

S’i’ fosse foco di Cecco Angiolieri è probabilmente la poesia più famosa dell'autore senese, principale esponente del filone comico-realistico (detto anche “poesia giocosa”) della poesia toscana delle origini, che si oppone alla tradizione poetica stilnovista dantesca.

 

Il poeta non nasconde la propria avversione ai raffinati principi del mondo cortese.

Egli dichiara la sua passione per donne di costumi non certo esemplari, mentre l’ambiente volgare e rissoso della taverna diventa il suo supremo ideale di vita.

Perennemente, Cecco elogia la ricchezza come sola e vera fonte di felicità, sfogando il suo rancore nei confronti del padre che gli impedisce di darsi alla bella vita come vorrebbe.

S'I FOSSE FOCO, PARAFRASI

Se fossi fuoco, brucereI il mondo; se fossi vento lo scuoterei con le tempeste; se fossi acqua lo annegherei; se fosse Dio lo sprofonderei; se fossi Papa allora sarei contento perché metterei nei guai tutti i cristiani; se fossi imperatore mozzerei il capo a tutti.

Se fossi morte andrei da suo padre; se fosse vita fuggirei da lui: e allo stesso modo farei con sua madre.

Se fossi Cecco, come io sono e fui, terrei per me le donne belle e giovani: e lascerei agli altri le vecchie e brutte.

Ascolta su Spreaker.

S'I FOSSE FOCO, ANALISI

Con l'uso ripetuto del periodo ipotetico, il poeta riesce a creare un'atmosfera lugubre che predispone l'animo a ricevere la battuta festosa che chiude il sonetto.

La posizione frequente della cesura dopo la quinta sillaba determina un ritmo diseguale.

Nel testo compaiono delle anafore: nel I, II e IV verso abbiamo delle anafore che esprimono ipotesi impossibili; nel V, VII e IX verso esprimono ipotesi possibili ma irrealizzabili; nel X e XII verso esprimono dati reali.

Inoltre vi si può distinguere dei desideri espressi dal poeta: nella I e II strofa abbiamo desideri provocatori; nella III strofa desideri che sottintendono una condanna; nella IV strofa desideri che sono un semplice gioco. Questa poesia è un sonetto (schema ABBA ABA CDC DCD) e si conclude con un’immagine sorridente e bonaria.

Leggi anche:

  • Tre cose solamente m'enno in grado
    Tre cose solamente m'enno in grado: analisi, parafrasi e figure retoriche del sonetto in cui Cecco Angiolieri esprime l'odio verso il padre
  • La poesia comico-realistica
    Cos'è la poesia comico-realistica? Storia, caratteristiche e autori di questo genere letterario diffuso soprattutto in Toscana a cavallo tra il XIII e il XIV secolo.
  • Cecco Angiolieri e la poesia comico-parodica
    Opera e stile del maggiore esponente del genere, Cecco Angiolieri, con luoghi, tempi e temi della poesia comico–parodica. Scopri testo, parafrasi e analisi del sonetto più celebre: S’i’ fosse foco