Riscatto della laurea 2019: cos'è, come funziona, chi può beneficiarne

Di Marta Ferrucci.

Scopri tutte le novità che introduce la nuova finanziaria per chi vorrà procedere con il riscatto della laurea nel 2019: informazioni su chi può beneficiarne, requisiti, come si fa e quanto costerà

RISCATTO DELLA LAUREA AGEVOLATO: COS'E'

Riscatto agevolato della laurea: cos'è e come funziona
Riscatto agevolato della laurea: cos'è e come funziona — Fonte: istock

Il riscatto della laurea è un'opportunità che esiste da anni ma che, se non fatto immediatamente dopo il termine degli studi universitari, diventava tanto più oneroso quanto più si andava avanti negli anni. Nell'ultima legge di bilancio, invece, è stata introdotta una misura che consente ai laureati che non abbiano superato i 45 anni di riscattare gli anni di studio ad un costo molto inferiore rispetto a prima, con un risparmio di circa il 60%. Riscattando la laurea, in pratica, si va a pagare una cifra che copre i costi contributivi degli anni in cui non si lavorava ma si studiava all'università.
Le agevolazioni previste sono legate all’età e alla presenza o meno di contributi prima del 1996. L'accesso al riscatto della laurea alle migliori condizioni dunque non è concesso a tutti e, per beneficiarne, è necessario possedere determinati requisiti di età e di anni in cui si è stati iscritti in un ateneo. Vediamo:

RISCATTO DELLA LAUREA AGEVOLATO: COME FUNZIONA

Per il riscatto contributivo della laurea è necessario capire attraverso l'Inps o un Caf o Patronato l'ammontare della cifra da pagare secondo la nuova normativa. Per farlo è necessario:

  • Presentare domanda all'Inps esclusivamente per via telematica. In questo caso bisogna essere in possesso di PIN oppure di Spid oppure rivolgersi alle strutture autorizzate ad operare come intermediari, come i Caf oppure i commercialisti. Per maggiori informazioni puoi visitare il portale dell'Inps o contattare l'ente al numero verde da rete fissa 803 164 o 06 164 164 da cellulare.

RISCATTO DELLA LAUREA A FINI CONTRIBUTIVI: CHI PUO' BENEFICIARNE

Possono fare domanda per il riscatto della laurea a fini contributivi gli occupati o inoccupati che rispettino questi requisiti:

  • abbiano ottenuto un titolo di laurea (non vale quindi per gli anni di studio che non abbiano portato alla laurea)
  • abbiano iniziato a lavorare dopo il 1996 (ovvero è necessario essere completamente nel sistema contributivo). Se risultassero contributi - anche minimi - prima di questo periodo non si potrà beneficiare della detrazione fiscale.
  • non siano beneficiari di pensione
  • non abbiano superato i 45 anni
  • vogliano riscattare gli anni di studio successivi al 1995

RISCATTO DELLA LAUREA: A CHI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 50%

Chi ha meno di 45 anni può beneficiare della detrazione al 50% dei costi sostenuti. La detrazione avviene su 5 anni.
Questa modalità di riscatto è solo per chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996, ovvero chi avrà una pensione che sarà calcolata con il (meno vantaggioso) metodo contributivo.

QUANTO COSTA E COME SI PAGA IL RISCATTO DELLA LAUREA

Una volta verificato di essere in possesso dei requisiti richiesti per chiedere il riscatto della laurea - e dei requisiti per chiederlo beneficiando delle agevolazioni della nuova normativa - l'Inps farà un calcolo in base all'estratto contributivo del soggetto richiedente.  Una volta calcolato l'ammontare da pagare, questo può essere pagato in un'unica soluzione oppure attraverso una rateizzazione in 120 rate mensili ma senza interessi (e, come detto sopra, se si hanno meno di 45 anni e non risultano contributi prima del 1996 si potrà beneficiare della detrazione al 50%).
Le migliori condizioni per il riscatto della laurea spetteranno a chi, ad oggi, possiede i seguenti requisiti:

- ha mano di 45 anni
- si è iscritto ad un corso universitario dopo il 1995
- non ha contributi prima del 1996

A questa (fortunata!) categoria di persone spetta un risparmio molto consistente, fino al 60% di quanto avrebbe speso senza queste nuove misure.  Ci sono poi le situazioni intermedie in cui sono comunque presenti dei vantaggi rispetto a prima. Ad esempio:

- Se si hanno meno di 45 anni ma risultano dei contributi versati prima del 1996, si potrà riscattare la laurea al costo agevolato ma non si potrà fare la detrazione al 50% che spetta solo a chi non ha contributi prima di quella data.

- Viceversa, se si sono superati i 45 anni ma non risultano a suo nome contributi prima del 1996, non potrà beneficiare del riscatto agevolato a 5.241,30€ per anno di corso ma, riscattandola al costo normale, potrà beneficiare della detrazione del 50%.

RISCATTO DELLA LAUREA: TITOLI CHE SI POSSONO RISCATTARE

Qui di seguito ecco i titoli di studio che si possono riscattare, dai diplomi universitari ai corsi di laurea, dottorati, laurea specialistica e diplomi ottenuti nei corsi degli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale.

  • Diplomi universitari, sia quelli superiori ai 3 anni che inferiori ai 2
  • Diplomi di laurea di durata inferiore ai 4 anni e superiore ai 6
  • Diplomi di specializzazione post laurea che non siano durati meno di 2 anni
  • Dottorati di ricerca
  • Laurea e Laurea specialistica
  • Laurea ottenuta all'estero purché abbia valore legale in Italia

Nel caso di diplomi appartenenti agli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale, si possono riscattare anche gli anni dei nuovi corsi che sono stati attivati dopo l'a.a. 2005/2006 per:

  • Diploma accademico di I livello
  • Diploma accademico di II livello
  • Diploma di specializzazione
  • Diploma accademico di formazione alla ricerca