Rientro a settembre 2021: DAD per i non vaccinati. L'ipotesi francese

Di Maria Carola Pisano.

Rientro a settembre 2021: in DAD solo i non vaccinati e solo nel caso in cui si verificasse un caso positivo in classe. L'ipotesi francese per la riapertura a settembre

RIENTRO A SCUOLA 2021

DAD per i non vaccinati, l'ipotesi francese
DAD per i non vaccinati, l'ipotesi francese — Fonte: getty-images

È atteso per questa settimana il piano completo per il rientro a scuola. Una volta diffuse le linee guida del CTS alle scuole, rimangono ancora dei nodi da sciogliere, come quelli legati a trasporti e la vaccinazione del personale scolastico. 

VACCINI OBBLIGATORI

Per quanto riguarda la vaccinazione del personale scolastico - docenti e ATA - finora si ritiene che oltre l'85% sia stato vaccinato. Di recente Bianchi ha diffuso un video per invitare tutti a vaccinarsi, perché il vaccino "è un gesto di responsabilità". Ma secondo i sindacati si stanno sottostimando i numeri delle vaccinazioni. Finora nessun obbligo vaccinale per il rientro in classe 2021: si deciderà nelle prossime settimane in base all'andamento delle vaccinazioni stesse. I vaccini per gli studenti sono invece attualmente aperti - solo Pfizer e Moderna - anche alla fascia 12-17.

DAD PER NON VACCINATI

Anche in Francia sono in via di definizione le regole per il rientro in classe: le scuole medie e superiori rimarranno aperte e si farà lezione in presenza. Nel caso in cui si verificasse anche solo un contagio, tutti gli studenti vaccinati potranno continuare le lezioni in presenza. I non vaccinati, invece, proseguiranno le lezioni con la didattica a distanza. 

Questa, secondo l'associazione nazionale presidi, non è un'ipotesi da escludere per il rientro a scuola 2021: "è un’ipotesi percorribile ma prima devono cambiare il protocollo sanitario della gestione delle quarantene, elaborato dall’Iss, che risale all’anno scorso", ha dichiarato il presidente Giannelli. "Aderiamo alla richiesta del Cts, ovvero di perseguire l’obiettivo del 60% degli studenti tra i 12 e i 19 anni vaccinati. Poi parlare di obbligo per i minori è chiaro che è inopportuno"