Rientro a scuola, linee guida per la gestione dei casi sospetti

Di Maria Carola Pisano.

Rientro a scuola e aumento dei contagi: cosa succede se c'è un positivo in classe? Ecco la risposte del MI per la gestione dei casi sospetti

RIENTRO A SCUOLA 2021

Rientro in classe, cosa succede se c'è un caso positivo in classe
Rientro in classe, cosa succede se c'è un caso positivo in classe — Fonte: istock

Il 13 di settembre è stato il primo giorno di scuola 2021 per circa 4 milioni di studenti. Entro il 15 saranno tornati tutti in classe ad eccezione degli studenti di Calabria e Puglia, che rientranno direttamente il 20 settembre. 

COSA SUCCEDE SE C'È UN POSITIVO IN CLASSE

In occasione del rientro in classe il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato una serie di risposte alle domande frequenti, informazioni utili tanto per le scuole quanto per gli studenti alle prese con il rientro in classe in sicurezza. L'obiettivo è quello di ricorrere alla didattica a distanza solo in casi eccezionali - che abbiamo elencato qui

Ma cosa succede se in classe c'è un positivo? Le FAQ del MI chiariscono anche la gestione dei casi sospetti: 

Come si procede se l’alunno o il docente risulta positivo al test molecolare?
Rimangono confermate le ordinarie procedure di gestione dei casi di contagio possibili, probabili o confermati, da attuare in collaborazione con le autorità sanitarie territorialmente competenti.
Secondo quanto indicato dal verbale del CTS n.34/2021 “in caso di sintomi indicativi di infezione acuta delle vie respiratorie di personale o studenti, occorre attivare immediatamente la specifica procedura: il soggetto interessato dovrà essere invitato a raggiungere la propria abitazione e si dovrà attivare la procedura di segnalazione e contact tracing da parte della ASL competente”.

Il periodo di quarantena precauzionale per chi abbia avuto contatti stretti con casi confermati di SARS-Cov-2, può essere differenziato: se gli studenti hanno completato il ciclo vaccinale, il periodo di quarantena può limitarsi a 7 giorni, ma è comunque necessario sottoporsi a un tampone al termine di tale periodo.

Cosa devo fare se nella classe si è verificato un caso COVID-19?
Secondo quanto indicato dal CTS, “il soggetto interessato dovrà essere invitato a raggiungere la propria abitazione e si dovrà attivare la procedura di segnalazione e contact tracing da parte della ASL competente”. Rimangono valide le disposizioni previste dallo stesso CTS per l’anno scolastico 2020-2021.