Ricorso Medicina 2017: domande e risposte

Di Maria Carola Pisano.

Domande e risposte sul ricorso Medicina 2017: modalità, tempistiche e dubbi degli studenti. Risponde l'Avv. Santi Delia

RICORSO MEDICINA 2017

Con l'uscita degli scorrimenti di graduatoria del test Medicina 2017 la situazione si è fatta più chiara per tutti i circa 60mila partecipanti alla prova d'ammissione. Dopo i primi due scorrimenti, questa settimana siamo al terzo e il punteggio minimo si è fermato a 58,20. Molti sono gli studenti che si stanno interrogando sul proprio futuro e sulla possibilità di procedere in un ricorso Medicina 2017 che, come sappiamo, potrà essere basato anche sulla legittimità delle domande di logica (vai qui per tutte le informazioni: tempistiche, modalità, costo del ricorso individuale). In questa ottica l'Avvocato Santi Delia ha tenuto un'interessante diretta su Facebook in cui ha chiarito molti dei dubbi degli studenti in termini di ricorso.

Fonte: redazione

RICORSO COLLETTIVO MEDICINA 2017

Una delle domande rivolte all'Avv. Santi Delia riguarda i corsi liberi, ovvero se è utile frequentare i corsi aperti di Medicina nella facoltà in cui ci si vorrebbe iscrivere per rimanere al passo con le lezioni. Come spiegato qui inoltre, diversi atenei danno la possibilità di sostenere due esami di Medicina anche se si è iscritti a un altro corso di laurea. Frequentare questo tipo di corsi soprattutto nel caso in cui il ricorso si allungasse è davvero utile? Secondo l'Avvocato Santi Delia, in caso di ricorso, è più facile dimostrare che gli studenti sono già inseriti nel tessuto delle matricole: "nel 2015 per esempio, nonostante l'anno accademico fosse già avviato, abbiamo vinto in appello grazie al fatto che i ricorsisti avevano frequentato i corsi liberi: questo può rappresentare un'ulteriore tutela per gli studenti".

IRREGOLARITA' MEDICINA 2017

Molte sono anche le irregolarità segnalate dai partecipanti al termine del test Medicina 2017: ad esempio, candidati che hanno continuato a scrivere nonostante il tempo fosse finito, studenti che hanno copiato, altri che hanno tenuto con sé lo smartphone. Queste non sono causa, da sole, di ricorso. Secondo l'Avv. Santi Delia in casi come questi "andremo a verificare i singoli verbali delle aule per capire se in una determinata sede sono state registrate anomalie o irregolarità ma da soli non sono elementi decisivi".

POSTI VACANTI MEDICINA 2017

I posti vacanti possono essere ridistribuiti? La domanda si riferisce ai posti per cittadini extracomunitari che, di fatto, spesso non vengono coperti e per cui non è prevista a ridistrubuzione tra le aspiranti matricole di Medicina. Secon l'Avv. Santi Delia c'è però spazio di manovra: "Il ricorso da questo punto di vista è possibile sulla base dei posti vacanti per i cittadini extracomunitari: gli studenti vicini all'ultimo ammesso hanno una possibilità maggiore rispetto a chi è pià distante. L'esempio del 2015 è eclatante: il Miur ha dichiarato che solo 80 erano i posti vacanti ma abbiamo dimostrano che era circa 1000: 850 degli ammessi erano nostri ricorsisti".

MEDICINA 2017, ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO

Si può accedere agli anni successivi al primo di Medicina senza passare per il superamento del test? "Nel 2012 abbiamo vinto dimostrando che un laureato in Medicina con master in Odontoiatria aveva il diritto di accedere al corso di Odontoiatria ad anni successivi, però in questi casi raccomandiamo molta cautela".

Iscriviti al gruppo Test Medicina su Facebook per rimanere aggiornato sull'analisi del terzo scorrimento, sulle novità sui ricorsi Medicina 2017 e sulle previsioni per il prossimo scorrimento di graduatoria.