Capitolo 21 de I Promessi Sposi di Manzoni, riassunto | Video

Di Marta Ferrucci.

Video riassunto capitolo 21 promessi sposi: il capitolo della seconda parte della conversione dlel'Innominato e dell'incontro fra quest'ultimo e Lucia

CAPITOLO 21 PROMESSI SPOSI RIASSUNTO

Fonte: Video Interni

Questo è il capitolo dell’incontro tra Lucia e l’Innominato, e racconta la seconda parte della conversione di quest'ultimo.

La narrazione si apre con la vecchia serva dell'Innominato che arriva all'osteria della Malanotte per prendere in consegna Lucia e portarla al castello. Qui si reca anche il Nibbio, sgherro dell'Innominato.

Inizialmente l’innominato dice al Nibbio di andare subito a chiamare Don Rodrigo per avvertirlo che Lucia è arrivata, poi però, quando il Nibbio gli racconta la paura e la sofferenza di Lucia, sente crescere dentro di sé un no, una negazione, qualcosa che lo ferma. Le parole del nibbio lo commuovono e lui sente dentro di sé la necessità di incontrare Lucia.

Ed ecco che passiamo al vero e proprio incontro fra i due, importante perché dopo quello che abbiamo visto nel capitolo precedente, rappresenta la seconda tappa della conversione dell’innominato. Non solo: in questo momento Manzoni entra in un momento preciso della narrazione, ovvero, finita la renziade, tutta la parte dedicata al personaggio di Lucia, che si conferma come portatrice di grazia, di giustizia  e di carità.

Infatti la ragazza, che sta rannicchiata da una parte nella stanza chiusa con la vecchia, appena appena vede l’innominato si getta ai suoi piedi e cerca di convincerlo a rimandarla dalla madre. Lo fa con parole di grazia, di misericordia, gli spiega che per lui ancora c’è una speranza, a patto che effettivamente il suo comportamento cambi. La ragazza in questo modo si rende conto che l’innominato ha un’anima.

C’è un personaggio che viene dato per scontato che non abbia un’anima in questa parte della narrazione: la vecchia serva. Lei effettivamente, per via della sua permanenza al castello nel corso degli anni e delle scelleratezze a cui ha assistito, è rimasta priva di un’anima, cosa che non è accaduta all’Innominato, che  grazie a questo gesto di misericordia può ancora essere perdonato da Dio, gli spiega Lucia.

LA CONVERSIONE DELL'INNOMINATO E IL VOTO DI LUCIA

In questo modo gli si apre la scena della sua conversione e quando i due destini si separano, Lucia rimane da sola con la vecchia, rannicchiata. Si rifiuta di mangiare e dormire e in uno stato tra il sonno e la veglia, in uno sconvolgimento totale, fa una cosa fondamentale per il prosieguo della narrazione: fa un voto alla Madonna. Nel caso si fosse salvata avrebbe totalmente rinunciato a Renzo.

L’innominato passa invece una nuova notte di angustie. Tornato nella sua stanza, pur avendo promesso a Lucia di incontrarla la mattina successiva, è talmente sconvolto da pensare all’idea del suicidio.

Perché l’Innominato non arriva fino in fondo? Non per la paura dell’aldilà ma per le parole della ragazza. A fermarlo è il fatto che finalmente creda che la morte non sia la soluzione, ma che la soluzione risieda invece nel compiere nuove azioni di giustizia e di bontà che bilancino il suo precedente vissuto.

La conclusione della narrazione è affidata a un cambio totale di registro: è l’alba, e senza alcun motivo suonano le campane del paese a festa. Siccome non si sa il perché, l’Innominato manda uno dei bravi in paese a capire cosa stia succedendo. Noi vi anticipiamo che il motivo di tanta gioia è l’arrivo del Cardinal Federico Borromeo.

Riassunto Promessi sposi - Introduzione| Capitolo 1|Capitolo 2 |Capitolo 3 |Capitolo 4 |Capitolo 5|Capitolo 6| Capitolo 7| Capitolo 8 | Capitolo 9 | Capitolo 10| Capitolo 11| Capitolo 12|Capitolo 13| Capitolo 14| Capitolo 15| Capitolo 16| Capitolo 17| Capitolo 18| Capitolo 19| Capitolo 20| Capitolo 21| Capitolo 22| Capitolo 23| Capitolo 24| Capitolo 25| Capitolo 26| Capitolo 27| Capitolo 28| Capitolo 29| Capitolo 30| Capitolo 31| Capitolo 32| Capitolo 33| Capitolo 34| Capitolo 35| Capitolo 36| Capitolo 37| Capitolo 38|