Adolf Hitler: biografia e approfondimenti

Di Chiara Casalin.

Adolf Hitler: biografia e ascesa del dittatore nazista. Approfondimenti e appunti da scaricare su Hitler e la seconda guerra mondiale

Adolf Hitler: biografia
Adolf Hitler: biografia — Fonte: ansa

ADOLF HITLER: BIOGRAFIA

Adolf Hitler è nato nel 1889 a Braunau am Inn, paesino a Nord dell’Austria. Figlio di un impiegato della dogana austriaca, da giovane aspira a diventare architetto ma dopo non essere riuscito ad entrare nell’Accademia di Belle Arti di Vienna si trasferisce a Monaco dove lavora come decoratore e come operario. In questo periodo inizia a sviluppare il suo pensiero antisemita, antimarxista e razzista. Allo scoppiare della Prima Guerra Mondiale si arruola come volontario nel reggimento tedesco, viene ferito e ottiene dei riconoscimenti.
Finita la Guerra, Hitler ritiene che la sconfitta della Germania sia stata causata dal tradimento dei socialisti e degli ebrei.

MEIN KAMPF

Nel 1919 si iscrive al Partito dei Lavoratori Tedeschi che presto cambia il nome in Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori Tedeschi (National-sozialistische deutsche Arbeiterpartei) e ne diventa leader. Nel 1923 organizza un colpo di Stato per porre fine alla Repubblica di Weimar ma il suo tentativo fallisce e viene condannato a 5 anni di prigione. Durante la reclusione scrive il saggio politico Mein Kampf (La mia battaglia) che diventerà il testo di riferimento del nazismo. Nel libro Hitler teorizza la superiorità della razza ariana, dichiara il suo odio per comunisti ed ebrei e pianifica l’espansione della Germania.

ADOLF HITLER: ASCESA AL POTERE

Rilasciato nel 1924 grazie ad un amnistia, Hitler riorganizza il partito nazionalsocialista e, facendo leva sulla crisi economica e sul malcontento diffuso, guadagna in pochi anni il consenso. Nel 1932 vince le elezioni per il Reichstag e il 30 gennaio 1933 diventa Cancelliere del Reich. Nel 1934 elimina ogni forma di opposizione e unifica sotto la sua figura il ruolo di cancelliere e di presindente del Reich, diventantdo Führer del Reich e instaurando la dittatura.

In pochi anni Hitler pone le basi per lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale (annessione dell’Austria alla Germania, occupazione della Renania, Patto d’Acciaio con l’Italia) e dà l’avvio alla persecuzione degli ebrei che avrà il suo apice nella tragedia della Shoah e dei campi di concentramento, dove hanno perso la vita circa 6 milioni di ebrei e migliaia di Rom, Sinti, oppositori politici, omosessuali e portatori di handicap.

ADOLF HITLER E SECONDA GUERRA MONDIALE

Con l’invasione della Polonia da parte della Germania, avvenuta il 1 settembre 1939, ha inizio la Seconda Guerra Mondiale. Dopo alcune vittorie tedesche la situazione si rovescia, la Germania accumula diverse sconfitte e Hitler subisce due attentati (nel 1942 e nel 1944). Quando la guerra sta per finire Hitler si ritira a Berlino dove si suicida il 30 aprile 1945, chiuso nel bunker del Palazzo della Cancelleria, insieme all’amante Eva Braun.

ADOLF HITLER: APPROFONDIMENTI

Non perdere gli approfondimenti su Hitler e la Seconda Guerra mondiale:

- Germania nazista e Shoah

- La storia del nazismo

- Germania di Weimar, riassunto

- Tesina sull'Olocausto

Cerchi altri appunti e approfondimenti su Hitler, il nazismo e la Seconda guerra mondiale? Cercali nel nostro Trova Appunti!

GUARDA IL VIDEO SULL'ATTENTATO A HITLER DEL 20 LUGLIO 1944