Regolamento degli esami di maturità

Di Valentina Vacca.

Cosa dice il regolamento dell'esame di maturità: ecco una guida più che completa sull'Esame di Stato: come si svolge, i crediti, quali sono le prove

SPECIALE MATURITA' 2018

|Date maturità 2018| Tesine | Gruppo Fb maturità 2018 |

REGOLAMENTO ESAME MATURITA'

L'esame di Maturità è il momento cruciale di tutti gli studenti delle scuole superiori, quello che conclude e mette fine a cinque anni fatti di bei ricordi con i compagni, ma anche di compiti in classe e interrogazioni. L'esame  è un traguardo che tutti mirano a raggiungere ed è un momento che segna la fine di una tappa della vita e l'inizio di una nuova, sia essa quella dell'università o del mondo del lavoro. Vediamo nel dettaglio cosa dice il regolamento dell'esame di maturità.

AMMISSIONE ALL'ESAME DI STATO

Ammesso o non ammesso? Una di queste due formule verrà scritta accanto al vostro nome sui tabelloni affissi alla fine del vostro ultimo anno scolastico. Secondo quanto stabilito dal regolamento del Ministero dell'Istruzione, otterrete l'ammissione alla Maturità 2018 se avete almeno 6 in tutte le materie e se avete superato tutti gli eventuali debiti formativi degli anni precedenti. Se sosterrete l'esame di Maturità da privatisti dovrete sottoporvi a un esame preliminare nel quale verrà valutata la vostra preparazione sulle materie studiate nel corso degli anni scolastici in cui siete stati bocciati.
Dopo l'esame preliminare, verrà deciso se potrete presentarvi all'esame di Stato o se eventualmente dovrete rifrequentare l'ultimo anno. Attenzione al voto in condotta: anche questo fa media e in caso abbiate un voto inferiore al 6 potreste non essere ammessi alla Maturità pur avendo la sufficienza nelle altre materie.

Regolamento esami di Stato
Regolamento esami di Stato — Fonte: istock

LA COMMISSIONE

Chi vi esaminerà durante la Maturità 2018? La commissione sarà composta da tre dei vostri professori, da tre commissari esterni, più un presidente esterno. Secondo quanto specifica il regolamento d'esame: "Ogni due classi sono nominati un presidente unico e commissari esterni comuni alle classi stesse, in numero pari a quello dei commissari interni di ciascuna classe e, comunque, non superiore a tre." I docenti esterni vengono nominati dall'Ufficio Scolastico Regionale, mentre quelli interni dal Consiglio di Classe.

CREDITI

I crediti sono parte integrante della votazione finale dell'esame di Stato. Questi vengono accumulati nel corso dell'ultimo triennio e possono essere al massimo 25 ( 8 crediti al terzo anno, 8 al quarto e 9 al quinto). Potrete sapere a quanto ammontano i vostri crediti dopo lo scrutinio di fine anno scolastico: accanto ad AMMESSO o NON AMMESSO troverete infatti anche il numero totale dei vostri crediti che equivale quindi al vostro voto di partenza della Maturità. Per sapere di più leggete: Crediti scolastici: come funzionano.

PROVE SCRITTE DELLA MATURITA'

Il regolamento dell'esame di maturità stabilisce che le prove scritte sono tre (almeno fino al 2017, mentre dalla maturità 2018 diventeranno due): la prima e la seconda sono ministeriali, mentre la terza viene creata ad hoc dalla commissione. La prima prova scritta consiste nel tema d'italiano ed è uguale per tutte le tipologie di scuola. Gli studenti possono scegliere una tra le varie tracce proposte e tra le tipologie di tema presenti (articolo di giornale, saggio breve, analisi di un testo letterario o poetico e tema sorico). La seconda prova varia a seconda dell'istituto: quest'anno ad esempio gli studenti del liceo classico dovranno cimentarsi con la traduzione di latino mentre quelli dello scientifico col compito di matematica. La terza prova, conosciuta dagli studenti come "il quizzone", consiste in un quiz con domande su argomenti affrontati nel corso dell'anno scolastico.

PROVA ORALE

Il colloquio orale avviene qualche giorno dopo gli scritti e consiste in un'interrogazione da parte dei commissari interni ed esterni. La prova orale parte generalmente dall'esposizione di una tesina di maturità scritta dal candidato, cui seguono poi le domande della commissione e la correzione delle prove scritte.

TESINA MATURITA'

La tesina di maturità è un elaborato multidisciplinare che collega un argomento centrale ad altri argomenti studiati in classe durante l'anno nelle materie del programma.

VOTO FINALE

Il voto finale è calcolato sommando i punteggi di crediti acquisiti, prove scritte e colloquio orale. Il punteggio dei crediti ammonta massimo a 25 punti, quello delle prove scritte a 45 (15 massimo per ogni prova; la sufficienza viene raggiunta ottenedo almeno 10 per ogni scritto) e quello del colloquio orale a 30 (è considerato sufficiente con almeno 20 punti). La commissione esaminatrice potrà anche assegnare 5 punti ulteriori al voto finale nel caso in cui ritenga lo studente particolarmente meritevole. Per far sì che questo si verifichi però il candidato dovrà avere totalizzato almeno 15 punti nei crediti scolastici e 70 punti tra prove scritte e colloquio orale.