Prove Invalsi 2020: come funziona la certificazione del livello di inglese

Di Maria Carola Pisano.

Prove Invalsi 2020: scopri come funziona la valutazione della prova di inglese secondo i livelli QCER adottati dall'Istituto Invalsi

PROVE INVALSI 2020

Prove Invalsi 2020: come funziona la valutazione secondo i livelli QCER
Prove Invalsi 2020: come funziona la valutazione secondo i livelli QCER — Fonte: istock

Tutti gli studenti della terza media e della maturità 2020 devono svolgere le prove Invalsi al PC, composte da un test di italiano, uno di matematica e uno di inglese. Dal 2018 l'Invalsi ha adottato, come sistema di valutazione della prova di inglese, i livelli stabiliti dal Quadro Comune Europeo di Riferimento QCER. 

VALUTAZIONE PROVE INVALSI 2020

Come è ormai noto, la valutazione delle prove Invalsi non influisce in alcun modo né il voto dell'esame di terza media, né quello della maturità. La partecipazione è invece obbligatoria, poiché costituiscono un requisito di ammissione per entrambi gli esami di Stato. La valutazione, per quanto ininfluente, è comunque un dato interessante sulla propria preparazione, specie per quanto riguarda la prova di inglese: l'Invalsi infatti usa il sistema QCER. Ecco i livelli di riferimento: 

  • A1 - livello di contatto;
  • A2 - livello di sopravvivenza;
  • B1 - livello soglia;
  • B2 - livello progresso;
  • C1 - livello dell'efficacia;
  • C2 - livello di padronanza.

La competenza richiesta agli studenti di terza media equivale all'A2, mentre è pari a B2 per gli studenti della maturità. Cosa succede sotto questa soglia? Niente paura, la valutazione non influirà sui vostri voti. 

TEST INVALSI 2020, LE NOSTRE GUIDE

Per la maturità: 

Per gli studenti della terza media: