Che sta succedendo in Iran? Ecco quello che devi sapere sulle proteste in Iran che rischiano di far cadere la repubblica islamica

Di Redazione AdnKronos.

Proteste in Iran, cosa c'è dietro il movimento che rischia di far cadere il regime degli ayatollah? Dopo l'uccisione di Mahsa Amini e Hadis Najafi la situazione diventa ogni giorno più tesa ma, arresti e pestaggi, non fermano l'ondata di proteste.

Iran in fiamme, la morte di Mahsa al di là del velo

Proteste in Iran dopo l'uccisione di Masha Amini
Proteste in Iran dopo l'uccisione di Masha Amini — Fonte: getty-images

In Iran, come accaduto già nel 2009 e ancora di recente, sono in corso dal 16 settembre diffuse proteste antigovernative. Ad accendere la miccia è stata la morte, in circostanze ancora da chiarire, di Mahsa Amini, una ragazza curda di 22 anni deceduta 3 giorni dopo essere stata arrestata a Teheran perché indossava il velo in modo non corretto. Il sospetto è che la giovane sia stata picchiata a morte dalla 'polizia religiosa'. L'episodio ha scatenato la rivolta in tutto il Paese, dove dal 1979 - anno della rivoluzione islamica - è al potere un regime autoritario di natura teocratica. Le autorità sono intervenute duramente.  

Masha Amini, la ragazza uccisa dalla polizia iraniana e diventata simbolo della protesta
Masha Amini, la ragazza uccisa dalla polizia iraniana e diventata simbolo della protesta — Fonte: getty-images

La repressione, secondo fonti della diaspora iraniana, avrebbe causato finora centinaia di morti e migliaia di arresti. Come accaduto sempre in occasione di rivolte antigovernative in Iran, il governo ha silenziato parzialmente internet per evitare che le notizie o i video degli incidenti vengano diffusi all'estero. Decine di giornalisti sono stati arrestati.

Iran, i motivi della protesta

Comprendere la natura di queste proteste non è facile. Un'analisi superficiale porterebbe a ritenere che siano legate esclusivamente alla volontà delle iraniane di liberarsi del 'giogo' del velo. Questa è una verità, ma solo parziale. In Iran, a causa delle sanzioni, c'è una grave crisi economica e sociale:

  • disoccupazione e inflazione sono alle stelle.
  • Il quadro politico è molto complesso e, in estrema sintesi, è in corso uno scontro tra i rivoluzionari di prima generazione, che fanno riferimento alla Guida Suprema Khamenei, e quelli di seconda generazione, che ruotano attorno ai pasdaran e che hanno un controllo capillare dell'economia.  
  • Bisogna poi tenere conto che il 75% della popolazione iraniana ha meno di 35 anni e questa fetta molto importante non è rappresentata ancora politicamente, non ha capacità di portare le sue istanze sul piano politico e vedendosele negare dal governo conservatore in carica ha posizioni molto ostili nei suoi confronti.
     

Il velo è stato la miccia scatenante, ma è solo uno degli elementi delle proteste. Si può sostenere quindi che la morte di Mahsa abbia raccolto tutte le istanze del malcontento soprattutto giovanile.