Il Ministro Speranza: "La priorità è la scuola, non gli stadi di calcio"

Di Marta Ferrucci.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza si schiera dalla parte degli studenti. Interpellato dai giornalisti sul campionato di calcio non ha avuto dubbi: "La priorità è la scuola".

PRIMA LA SCUOLA, POI GLI STADI

Il Ministro della Salute Roberto Speranza
Il Ministro della Salute Roberto Speranza — Fonte: getty-images

In occasione della visita allo stabilimento Sanofi, la struttura dove inizierà la produzione del vaccino anti covid-19, il Ministro Speranza ha risposto alle domande dei giornalisti sui test rapidi nelle scuole e sullo stop al campionato di calcio. In merito a quest'ultimo tema ha dichiarato che "ci sono dei protocolli che dobbiamo rispettare, abbiamo regole molto ferme e rigorose che ci hanno consentito di fare ripartire il campionato di calcio. Io ho una posizione molto rigida sulla partecipazione del pubblico.

Dobbiamo essere molto attenti e le indicazioni del Cts devono essere rispettate da tutti. (...) La priorità in questo momento è la scuola. Le abbiamo riaperte da poco di due settimane, dobbiamo valutare l’impatto nel Paese e inizieremo a farlo solo in questi giorni. Io insisto, la priorità sono le scuole e non gli stadi”.