Prima prova maturità 2018: saggio breve sullo sviluppo sostenibile

Di Veronica Adriani.

Possibile traccia sullo sviluppo sostenibile per la prima prova di maturità 2018? Ecco i nostri consigli per affrontare un saggio breve sul tema

PRIMA PROVA 2018 SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Sviluppo sostenibile: un tema che abbraccia moltissimi argomenti. Come trattarli in un saggio breve
Sviluppo sostenibile: un tema che abbraccia moltissimi argomenti. Come trattarli in un saggio breve — Fonte: shutterstock

Una traccia sullo sviluppo sostenibile alla prima prova di Maturità 2018? Perché no? In fondo tra i temi scelti dal MIUR quello ambientale è piuttosto ricorrente. Dando uno sguardo agli scorsi anni, si nota infatti che tracce con un focus su temi simili non sono mancate:

  • 2017: si parlava di catastrofi naturali, disastri e ricostruzione
  • 2016: il tema verteva sul valore del paesaggio
  • 2011: leggermente diversa la sfumatura. Siamo quello che mangiamo? con fonti che trattavano - tra le altre questioni - il problema di una sempre maggiore vita sedentaria e dell'uso della tecnologia durante i pasti
  • 2008: quale idea di scienza nello sviluppo tecnologico della società umana?

PRIMA PROVA MATURITÀ 2018 SVILUPPO SOSTENIBILE

Pensare a una traccia sullo sviluppo sostenibile non è affatto peregrino. Non solo si fa un gran parlare di fonti rinnovabili e risparmio energetico, ma anche le scuole si stanno attivando per mettere in atto iniziative di sensibilizzazione e alternanza scuola-lavoro che vanno in questa direzione. Un esempio? Agente 0011.

Ma come trattare in poche battute un tema lungo e complesso come quello dello sviluppo sostenibile? Innanzi tutto meglio dare uno sguardo alla guida che spiega al meglio come come si fa un saggio breve, soprattutto quello di ambito socio-economico.

Tutto parte da una scaletta e, ancora prima, da un punto di vista ben preciso sull'argomento. La prima cosa che devi chiederti quando inizi un saggio breve infatti è: dove voglio arrivare? Dovrai quindi:

  • Capire quale sia la tesi che vorrai sostenere e svilupparla nel migliore dei modi
  • Contrapporle un'antitesi, cioè un punto di vista diverso e opposto rispetto al tuo
  • Tornare alla tesi principale e rafforzare il tuo punto di vista sulla questione

Quando riceverai la traccia, insieme ti verrà dato anche un dossier. Cosa contiene il dossier? Contiene tutte le fonti da cui dovrai trarre le informazioni per strutturare il tuo saggio breve. Ciò significa che non avrai a disposizione altre fonti oltre a quelle che ti saranno date insieme alla traccia, tranne, ovviamente, le tue conoscenze personali. Se vorrai strutturare al meglio un saggio breve sullo sviluppo sostenibile, insomma, sarà un'ottima idea leggere qualcosa per conto tuo in modo da avere più materiale a disposizione il giorno della prova.

SAGGIO BREVE SVILUPPO SOSTENIBILE

Inizia quindi, per strutturare il tuo saggio, a farti delle domande:

  • Cosa si intende per sviluppo sostenibile?
  • Da cosa deriva la necessità di ripensare le modalità di approvvigionamento energetico di un paese?
  • Quali paesi si sono già attivati per farlo? In che modo?
  • Come sta cambiando la vita quotidiana di chi usa le energie rinnovabili ed è sensibile al tema dello sviluppo sostenibile (es. case intelligenti, auto ibride, spesa a km 0 da produttori locali, dieta vegetariana...)?
  • Ci sono trattati che regolano misure di sviluppo sostenibile?
  • Cosa possiamo fare noi, nel nostro piccolo, per contribuire alla causa?

Se vuoi avere sotto mano qualcosa di più pratico, ecco qui un esempio di saggio breve sullo sviluppo sostenibile

Ricordati che per avere credibilità, un saggio breve deve essere supportato da dati e citazioni. Cerca quindi bene nel tuo dossier tutto quello che può esserti utile: numeri sull'incremento delle fonti rinnovabili in Italia, date dei principali protocolli internazionali sottoscritti, dichiarazioni di statisti, scienziati e imprenditori sul tema - che siano favorevoli o contrari. Non tralasciare nulla.

Ricorda ovviamente, in chiusura, di scegliere un titolo. È importantissimo per dare un colpo d'occhio a chi leggerà in tuo saggio. Altri consigli: non parlare in prima persona, non usare espressioni come "secondo me...", cerca di restare entro le 4-5 colonne di foglio protocollo. Tutti gli altri suggerimenti li trovi nella nostra guida linkata in alto.

SAGGIO BREVE SULLO SVILUPPO SOSTENIBILE, COME PREPARARSI

PRIMA PROVA 2018, SAGGIO BREVE

Altri spunti per prima prova maturità 2018: