Prima guerra persiana: schema e riassunto degli eventi

Di Redazione Studenti.

Riassunto e schema degli eventi della Prima guerra persiana, che nel V secolo a.C. vide impegnati gli ateniesi e Dario

PRIMA GUERRA PERSIANA

Prima guerra persiana
Prima guerra persiana — Fonte: getty-images

Dario salì al trono nel 522 a.C. e riprese la politica espansionistica dei suoi predecessori prendendo il controllo della Tracia. Successivamente si espanse gradatamente nelle isole del Mar Egeo. Molte di queste isole inviarono al Grande Re “acqua e terra” per far capire che accettavano la sua autorità.

Infine sottomise le polis della Ionia anche se queste non accettarono il pagamento delle tasse ai persiani e la perdita della libertà. Infatti Dario aveva messo a capo di queste polis dei suoi fidati greci che erano dei veri e propri tiranni che governavano per il Gran Re.

Fu proprio uno di questi tiranni, Aristagora di Mileto, a far precipitare la situazione. Egli decise di attaccare l’isola di Nasso dove si era appena affermata la democrazia. L’obiettivo sembrava facile da raggiungere ma l’assedio fallì clamorosamente. Aristagora, così temendo una punizione di Dario, rinunciò al suo ruolo di tiranno e assunse il comando di una rivolta che aveva come obiettivo la liberazione delle polis greche sottomesse dai persiani.

Mileto era una città potente ed evoluta, ma da sola non poteva resistere alla furia dei persiani, così Aristagora chiese aiuto alle principali poleis: Sparta rifiutò da subito perché non voleva impegnarsi in una guerra lontana dai suoi confini quando aveva già delle tensioni con la sua tradizionale rivale Argo; mentre Atene accettò, ma non con molto entusiasmo, perché voleva evitare un suo eccessivo coinvolgimento.

Infatti Atene mise a disposizione solo una piccola squadra navale di 20 navi a cui si aggiunsero altre 5 navi di Eretria. I rivoltosi riuscirono a conquistare e distruggere la città di Sardi, sede della satrapia, ma poi furono travolti dalle forze persiane.

Nel 494 a.C. Mileto venne distrutta, i suoi abitanti furono ridotti in schiavitù e deportati in Mesopotamia, mentre Aristagora morì combattendo in Tracia. Ma a Dario non era piaciuto ciò che avevano fatto i greci, in particolare gli Ateniesi, perciò giurò di vendicarsi.

PRIMA GUERRA PERSIANA: RIASSUNTO

La vendetta di Dario non si fece attendere e questa era anche una buona occasione per sottomettere l’intera Grecia. Dario così inviò dai 20.000 ai 25.000 uomini e 600 navi per dare una dura lezione ai Greci. Lo scontro avvenne nel 490 a.C. nella piana di Maratona a circa 40 km da Atene.

Circa 10.000 Ateniesi affrontarono i Persiani, ma la differenza tra i due eserciti era notevole: i Greci fondavano la loro forza sulla falange oplitica, mentre i Persiani combattevano in modo sparso e senza ordine. Questa è la prova che non sempre il numero è decisivo per determinare una vittoria, ma in questo caso è la tecnica.

PRIMA GUERRA PERSIANA, MILZIADE

Gli Ateniesi oltre ad essere più tecnici, colsero anche di sorpresa i Persiani. Infatti, grazie all’ordine geniale dello stratega Milziade, l’esercito ateniese decise di non aspettare rassegnato l’arrivo dei Persiani, ma gli andò incontro aspettandoli a Maratona. Gli Ateniesi combatterono correndo, schivando le frecce e le pietre lanciate dalle fionde dei nemici e dopo solo cinque ore il nemico era ormai accerchiato: basti pensare che con soli 192 Ateniesi morirono circa 6400 Persiani.

Leggi anche: