Versione di greco maturità 2023: come tradurre Plutarco

Di Redazione Studenti.

Versione di greco seconda prova maturità 2023: come tradurre Plutarco. Opere, lingua, stile e aiuto per la traduzione

VERSIONE DI GRECO MATURITÀ 2023

Quali sono i segreti per tradurre una versione di greco in modo impeccabile alla maturità 2023?

Tradurre una versione dal greco richiede una buona preparazione grammaticale e lessicale, ma non solo: per capire bene il testo di un autore è utile sapere anche qualcosa sulla sua vita e sul suo stile, per poter contestualizzare determinate scelte lessicali o costruzioni sintattiche. Plutarco naturalmente non fa eccezione.

VITA E OPERE DI PLUTARCO - Conoscere la vita di Plutarco, uno dei papabili autori della versione di greco della seconda prova del classico, gli argomenti trattati nelle sue opere, la sua prosa e il suo stile può aiutare molto per capire il testo da tradurre e fare una buona prova di traduzione sia a casa che nei compiti in classe che alla traduzione di greco per la seconda prova di maturità classica.

AIUTO ALLA TRADUZIONE DI PLUTARCO

Per affrontare bene la traduzione di una versione di Plutarco puoi trovare tutto quello che devi sapere sulla sua vita, opere e stile di seguito:

  • Biografia
    Plutarco nasce a Cheronea, in Beozia, da una famiglia agiata intorno al 45-50 d. C. Le notizie che possediamo sulla sua vita sono scarse e si ricavano in parte dai suoi stessi scritti, in parte da alcuni dati del lessico Suda e di alcuni eruditi di età posteriore.
    Verso i vent’anni si reca ad Atene per studiare all’Accademia platonica. Compie poi numerosi viaggi visitando Sparta, Alessandria e forse l’Asia. Al tempo di Vespasiano lo ritroviamo a Roma, dove si trattiene per un certo periodo studiando il latino e dedicandosi all’insegnamento della filosofia.

    Grazie all’amicizia con personaggi influenti dell’aristocrazia senatoria acquista la cittadinanza romana con il nome di Mestrio, riceve da Traiano, in seguito, la dignità consolare e, poi, da Adriano il titolo di suo legatus in Grecia. Di queste onorificenze però Plutarco non fa accenno nelle sue opere, ma ricorda con orgoglio che fu insignito a Cheronea della carica di arconte eponimo e soprattutto che ebbe un’importante carica sacerdotale a Delfi.
    La sua vita fu assorbita per intero dall’amore spassionato per la sua patria, per il servizio sacerdotale a Delfi, per gli studi e gli affetti familiari. Muore nel 149 d. C.
  • Opere
    Della produzione di Plutarco ci è stato tramandato un elenco di 227 opere, il cosiddetto “Catalogo di Lampria”. Tale abbondante e copiosa produzione testimonia la vastità degli interessi dell’autore: dalla biografia, alle scienze naturali, alla morale alla pedagogia, dalla religione alla critica letteraria e altro ancora. Delle opere elencate ce ne sono giunte poco meno della metà, 126, ovvero 50 biografie di uomini illustri del mondo greco e romano, 80 Operette morali o Moralia, non tutte complete, e una decina di opere apocrife.
    Le Vite plutarchee avevano il duplice scopo di sostenere la politica filoellenica dell’impero da un lato, e di creare una galleria di tipi etici affine a quella ideata da Aristotele e da Teofrasto dall’altro. Le biografie di Plutarco sono ricostruzioni incomplete da un punto di vista storico poiché l’autore vuole mettere in risalto l’ethos dei personaggi descritti.
    Nel ritrarre la vita dei personaggi delle due civiltà Plutarco evita di costruire immagini troppo virtuose o totalmente viziose, convinto che il bene e il male siano entrambi caratteristiche dell’uomo;  i suoi eroi rifuggono dalla meschinità e dalla viltà, si distaccano dalla massa degli uomini mediocri e nell’azione testimoniano la nobiltà del cuore ponendosi in questo senso come esempio di morale.

    I Moralia, titolo inventato dall’erudito Massimo Planude, sono opere che spaziano su argomenti differenti e sono stati divisi in base al loro argomento in : Opere di filosofia, opere di ispirazione religiosa e opere di erudizione.
  • Stile
    La lingua di Plutarco è un attico moderato con i caratteri tipici della koine.
    Plutarco è un narratore dalla frase scorrevole e avvincente che non rifugge dal pathos : le sue pagine sprigionano un forte senso drammatico che prendono il lettore e lo stupiscono con colpi di scena.
  • Caratteristiche
    Tra le caratteristiche dello stile plutarcheo ricordiamo:
    - le citazioni esplicite dei poeti e l’uso del loro lessico (Omero, Esiodo, Pindaro, Eschilo, Sofocle): per esempio il verbo theoklytèo, “invocare gli dei” usato per la prima volta da Euripide, è ricorrente spesso in Plutarco e poi diverrà d’uso tra gli autori cristiani;
    - le metafore attinte dagli ambiti della natura (l’amore morde come una belva), del teatro e del rito sacrificale;
    - l’evidente avversione per lo iato, che molto spesso crea degli iperbati che rendono impegnativa la frase;
    - periodi molto lontani dai loro soggetti;
    - tra l’articolo e il sostantivo si trovano a volte intere proposizioni;
    - frequente ricorso a verbi composti al posto di quelli semplici;
    - tendenza all’uso di espressioni generiche e di termini astratti al posto dei più prevedibili concreti;
    - largo impiego di costrutti participiali;
    - Uso frequenti di participi, infiniti e aggettivi neutri sostantivi;
    - Ampio uso di accusativi assoluti

Leggi le guide per tradurre gli autori più importanti: