Mobilitazione degli studenti in Piemonte

Di Barbara Leone.

La protesta degli studenti piemontesi si è diffusa soprattutto a Torino. Ecco tutte le testimonianze su manifestazioni e autogestioni arrivate in redazione

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

In Piemonte, la protesta si diffonde prevalentemente a Torino. Ecco le testimonianze arrivate in redazione.

"Sono uno studente del Liceo Scientifico Giordano Bruno di Torino. Nella mia scuola l'occupazione inizierà da venerdì 24 ottobre e andrà avanti per un paio di giorni. La mattina ci saranno le giornate autogestite mentre il pomeriggio l'accesso è riservato agli studenti e ai professori che aderiranno. Spero che tutta questa movimentazione serva a qualcosa. Grazie, ciao".

"Salve, sono studente del 4° anno al Liceo Scientifico Statale Alessandro Volta di Torino. Vi ho scritto la seguente per informare che nei giorni 22 e 23 ottobre la scuola è stata prima occupata, poi per non perdere l'appoggio del personale docente e non, è stata indetta una coogestione. Inoltre abbiamo deciso di organizzare delle lezioni all'aperto per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla nostra battaglia contro il decreto 133".

A Torino durante la mattinata del 23 ottobre diverse centinaia di studenti di varie scuole superiori (Istituto Professionale "Giulio", Liceo Magistrale "Regina Margherita", Liceo Scientifico "Copernico", Istituto Tecnico Commerciale "Rosa Luxemburg") hanno sfilato per le vie del centro storico

A Torino il 24 ottobre 200 ragazzi hanno sfilato tranquillamente per le strade della città.

Torino la sera del 28 ottobre si è svolta una fiaccolata, a cui hanno partecipato oltre agli studenti, anche i cittadini che hanno voluto manifestare il loro sostegno ai ragazzi delle scuole superiori.

A Torino il 7 novembre si è svolta una manifestazione degli studenti universitari, a cui hanno partecipato anche ragazzi delle superiori. Ed è stata esposta una bara di cartone nera con la fascia tricolore e la scritta "Studenti e dipendenti affranti", con due lumini ed i santini del premier Berlusconi e del ministro  Tremonti e l'annuncio mortuario "Si è spenta in data 6 agosto 2008 l'università causa legge 133. Ne danno il triste annuncio gli studenti tutti e i dipendentì". Al termine di un altro corteo studentesco, a Chivasso, circa 50 ragazzi hanno cercato di entrare in un liceo dove si stava facendo regolarmente lezione.