Piccole donne di Louisa May Alcott: trama, analisi e personaggi

Piccole donne di Louisa May Alcott: trama, analisi e personaggi A cura di Teresa Bosica.

Biografia di Louisa May Alcott, scrittrice statunitense femminista e autrice del romanzo Piccole donne e Piccole donne crescono. Trama e analisi delle sue opere più famose

1Biografia di Louisa May Alcott

Louisa May Alcott
Louisa May Alcott — Fonte: getty-images

Louisa May Alcott nacque a Germantown (Pennsylvania - USA) nel 1832. Suo padre, Amos Bronson Alcott, era un pedagogista e filosofo trascendentalista, che si occupò personalmente dell’istruzione delle figlie.  

Sua madre, Abigail May, era un’assistente sociale e famosa attivista, che combatté per il diritto di voto alle donne e per l’abolizione della schiavitù, trasmettendo i suoi ideali umanitari anche alle proprie figlie.  

La famiglia Alcott si trasferì a Boston (Massachusetts) nel 1834, dove il padre aprì una scuola sperimentale, la Temple School, e cominciò a frequentare il club dei filosofi trascendentalisti, che includeva figure di spicco del tempo, come Ralph Waldo Emerson, Henry David Thoreau e Nathaniel Hawthorne, che divennero anche amici di famiglia, contribuendo all’istruzione delle sorelle Alcott.  

Amos Bronson Alcott (1799-1888), trascendentalista americano, insegnante e scrittore
Amos Bronson Alcott (1799-1888), trascendentalista americano, insegnante e scrittore — Fonte: getty-images

Negli anni ’40 del XIX secolo, insieme all’amico Charles Lane, Amos Bronson Alcott fondò una comunità utopistica chiamata Fruitlands, basata su principi trascendentalisti, dove si trasferirono con altre famiglie. Luoisa May Alcott raccontò di questo periodo in un libro di carattere satirico dal titolo Transcendental Wild Oats: A Chapter from an Unwritten Romance, pubblicato per la prima volta in un giornale newyorkese nel 1873.

Tuttavia, l’esperimento fallì dopo sette mesi, la comunità si sciolse e la famiglia Alcott si trasferì a Concord (Massachusetts). A causa delle difficili condizioni finanziarie in cui versava la famiglia, Louisa, le sue sorelle e sua madre cominciarono a lavorare.

Louisa lavorò come sarta, governante, insegnante e scrittrice, inoltre tutta la famiglia collaborava con la Underground Railroad (Ferrovia Sotterranea), una rete ferroviaria che operava clandestinamente per aiutare gli schiavi a fuggire negli stati liberi, in Canada ma anche all’estero.

Nel 1848 la Alcott lesse la Dichiarazione dei Sentimenti (Declaration of Sentiments), pubblicata dalla Conferenza di Seneca Falls (Seneca Falls Convention) sui diritti delle donne, infatti, come sua madre, aveva idee femministe e lottava perché il suffragio universale fosse esteso anche alle donne; fu la prima cittadina di Concord a registrarsi per partecipare a un’elezione di cariche scolastiche.

Gli anni seguenti furono molto difficili per la famiglia Alcott, sia per le difficoltà finanziarie in cui si trovava, sia per la morte prematura di una delle figlie, Lizzie, a causa della scarlattina.

Louisa dedicava molto tempo alla lettura, in particolare amava leggere le opere delle sorelle Brontë e di Goethe, lesse anche la biografia di Charlotte Brontë scritta da Elizabeth Gaskell e nel 1860 cominciò a scrivere per la rivista bostoniana The Atlantic Monthly, con cui collaborava anche Ralph Waldo Emerson.

Tra il 1862 e il 1863, durante la guerra civile americana, prestò servizio come infermiera volontaria presso lo Union Hospital di Georgetown (District of Columbia) per pochi mesi poiché si ammalò di tifo e rischiò di morire.

In questo periodo scrisse Racconti dall’Ospedale (Hospital Sketches, 1863), che ottenne un grande successo di pubblico e di critica.

Nel 1864 pubblicò un romanzo intitolato Moods, intanto scriveva racconti per bambini che divennero molto popolari, per questo la scrittrice continuò a scrivere soprattutto letteratura per ragazzi.

Piccole donne
Piccole donne — Fonte: getty-images

Nel 1868 pubblicò la sua opera più famosa Little Women: or Meg, Jo, Beth and Amy (Piccole Donne), un romanzo semi-autobiografico, basato sul periodo della sua infanzia trascorso a Concord. La saga delle sorelle March continua con Le Piccole Donne Crescono (Good Wives), pubblicato nel 1869; Little Men (Piccoli Uomini), pubblicato nel 1887, che racconta la storia di Jo March e il suo lavoro presso la Plumfield School, fondata con il marito, il Professor Bhaer, e il romanzo che conclude la saga Jo’s Boys (I ragazzi di Jo), uscito nel 1886.

Gli ultimi anni della sua vita furono caratterizzati da una salute precaria, morì a causa di un ictus nel 1888 all’età di cinquantacinque anni.

2Piccole Donne: trama e personaggi

Piccole donne di Louisa May Alcott. Capitolo 1
Piccole donne di Louisa May Alcott. Capitolo 1 — Fonte: getty-images

Piccole Donne, romanzo che Louisa May Alcott scrisse su richiesta del suo editore, fu pubblicato nel 1868 ottenendo immediatamente un grande successo di pubblico e di critica, tanto che, a gran richiesta, l’autrice scrisse immediatamente il seguito del romanzo, Le Piccole Donne Crescono (Good Wives), che pubblicò nel 1869. I due romanzi furono pubblicati in un unico volume nel 1880.

In quegli anni scrisse anche altri due sequel: Little Men (Piccoli Uomini, 1871) e Jo’s Boys (I ragazzi di Jo, 1886).

Il romanzo semi-autobiografico è ambientato a Concord e attraverso la storia delle quattro sorelle March, ripercorre molti eventi della vita della scrittrice tra cui la morte della sorella minore Lizzie a causa della scarlattina, proprio come accade a una delle protagoniste. La storia ha inizio una vigilia di Natale a Concord, dove Meg (sedici anni), Jo (quindici), Beth (tredici) e Amy (dodici) vivono con la madre che chiamano Marmee, mentre il padre sta servendo come cappellano nella guerra civile americana. 

I March hanno da poco perso la loro fortuna, quindi le sorelle più grandi lavorano per aiutare la famiglia finanziariamente (come è accaduto nella vita reale della scrittrice). Meg fa l’istitutrice per una famiglia del vicinato, i King; Jo assiste l’anziana e irascibile zia March, una ricca vedova che vive in una grande casa chiamata Plumfield; Beth è troppo timida per andare a scuola e resta ad aiutare in casa; Amy va a scuola e ama l’arte. Inoltre, le quattro sorelle aiutano molto la comunità, in particolare si prendono cura della famiglia Hummel che è molto povera. 

Piccole donne di Louisa May Alcott
Piccole donne di Louisa May Alcott — Fonte: getty-images

La mattina di Natale le ragazze decidono di rinunciare alla loro colazione per donarla agli Hummel; il Signor Laurence, il loro ricco vicino di casa, apprezza molto questo gesto caritatevole e le premia inviando loro il pranzo di Natale.

Intanto Meg e Jo sono invitate a partecipare alla festa di Capodanno a casa di Sally Gardiner, un’amica di Meg. Durante la festa Jo conosce Theodore Laurence, detto Laurie, il nipote del Signor Laurence, loro vicino di casa. Laurie vive con suo nonno, si sente solo e ha sempre ammirato le sorelle March. Spesso le osserva dalla finestra di casa mentre sono riunite con la madre accanto al camino la sera, impara i loro nomi ancora prima di conoscerle e vorrebbe tanto essere parte della loro famiglia. 

L’amicizia tra i Laurence e i March diventa sempre più stretta, in particolare si rafforza il legame di amicizia tra Laurie e Jo, invece il vecchio Signor Laurence ammira moltissimo Beth e la sua passione per la musica, così le regala il pianoforte della nipote morta che tanto amava. 

Piccole donne di Louisa May Alcott. Beth malata
Piccole donne di Louisa May Alcott. Beth malata — Fonte: getty-images

Un giorno arriva un telegramma che informa i March che il loro papà è gravemente malato, Marmee decide di partire per andare ad assistere il marito, ma è in difficoltà perché ha solo cinque dollari nel suo portafogli e non vuole chiedere aiuto alla ricca zia March. Jo decide di vendere i suoi lunghi e bellissimi capelli per venticinque dollari per aiutare la madre

Durante l’assenza di Marmee, Beth si ammala di scarlattina, contratta dopo aver trascorso troppo tempo ad accudire i tre figli degli Hummel morti proprio di scarlattina. Jo assiste Beth malata, Amy viene mandata dalla zia March per precauzione e prende il posto di Jo come sua dama di compagnia. Beth guarisce ma la sua salute è seriamente compromessa. 

In seguito Meg s’innamora del Signor Brooke, il giovane tutore di Laurie, che le chiede di sposarlo, Meg accetta, ma decidono di aspettare perché la ragazza è ancora troppo giovane. La prima parte del romanzo si conclude con il ritorno del Signor March dalla guerra, il giorno di Natale, esattamente un anno dopo l’inizio del libro. 

3Piccole donne crescono: trama e personaggi

Gli attori June Allyson, Janet Leigh, Peter Lawford e Richard Wyler. Adattamento cinematografico di "Piccole donne" di Louisa May Alcott e diretto da Mervyn LeRoy, 1949
Gli attori June Allyson, Janet Leigh, Peter Lawford e Richard Wyler. Adattamento cinematografico di "Piccole donne" di Louisa May Alcott e diretto da Mervyn LeRoy, 1949 — Fonte: getty-images

Il secondo volume Le Piccole Donne Crescono (Good Wives) è ambientato tre anni dopo. Laurie ha quasi terminato i suoi studi; Meg sposa il Signor Brooke; Jo, che non ha mai smesso di scrivere racconti e romanzi, finalmente riesce a pubblicare un suo libro; Beth è ancora molto debole a causa della scarlattina contratta tre anni prima; Amy continua a lavorare come dama di compagnia per la zia March e l’accompagna anche in Europa, viaggio che in passato era stato promesso a Jo. 

Jo nota che Beth è molto triste e cerca di scoprirne il motivo, crede che Beth sia innamorata di Laurie, in realtà Laurie è innamorato di Jo, ma la ragazza lo ama come un fratello. Jo decide quindi di allontanarsi e va a New York, dove lavora come istitutrice dei figli di un’amica di sua madre e continua a pubblicare racconti su un giornale locale anonimamente. Qui conosce il Professor Bhaer, insegnante di tedesco, e i due diventano amici

Dopo un periodo di tempo ritorna a casa, Laurie le confessa il suo amore, ma lei lo rifiuta e il ragazzo parte per l’Europa con suo nonno per dimenticare Jo. Intanto la salute di Beth peggiora e poco dopo muore

Laurie ritrova Amy in Europa, s’innamorano e decidono di sposarsi, mentre Jo sposerà il Professor Bhaer. Quando la zia March muore, lascia Plumfield a Jo che decide di trasformarla in una scuola per ragazzi e gestirla insieme a suo marito. 

4 Piccole Donne – temi e analisi dei personaggi

Beth suona il piano del  Signor Laurence
Beth suona il piano del Signor Laurence — Fonte: getty-images

Il romanzo segue la crescita e la maturazione delle quattro sorelle March, tutte con personalità molto diverse tra loro.  Meg è la maggiore ed è una ragazza molto bella, che a volte desidera cose che non può avere data la situazione economica precaria della sua famiglia, tuttavia diventa una buona moglie per John Brooke, un uomo non ricco. 

Jo, la vera protagonista di Piccole Donne, è un maschiaccio, ama la letteratura e scrivere; è dotata di un forte spirito d’indipendenza, ha un carattere impulsivo e ribelle che la fa finire spesso nei guai. Indubbiamente Louisa May Alcott basò il personaggio di Jo su se stessa

Beth è una ragazzina molto timida, dal carattere mite e tranquillo, è molto legata a Jo e ama suonare il piano. Beth si ammala di scarlattina e anche se guarisce, non recupererà mai più la sua salute, infatti, muore nel secondo romanzo. 

Amy, la più giovane delle sorelle March, ama l’arte e dipinge, ha un carattere a volte egoista e cerca sempre di eccellere in quello che fa. 

Un personaggio importante nel romanzo è Theodore Laurence (Laurie), il vicino di casa che vive col nonno poiché i suoi genitori sono morti; Laurie è un ragazzo affascinante che a volte si scontra col nonno. Inizialmente innamorato di Jo, finirà con lo sposare Amy, la più piccola delle sorelle March. 

L’importanza della famiglia, gli insegnamenti dei genitori ai figli e il processo di crescita di un individuo sono certamente i temi principali affrontati in Piccole Donne, un romanzo che ritrae fedelmente la vita americana nella seconda metà dell’ottocento. Infatti, le usanze, i costumi, le tradizioni e la mentalità di Concord, città in cui è ambientata la storia, sono quelli tipici degli Stati Uniti negli anni della guerra civile americana