Pesach: caratteristiche e date 2024 della Pasqua ebraica

Date e caratteristiche principali della Pasqua ebraica, ovvero la festa di Pesach, una delle più importanti celebrazioni del popolo ebraico.

Pesach: caratteristiche e date 2024 della Pasqua ebraica
getty-images

Pesach: la Pasqua ebraica

Pesach: caratteristiche e date 2024 della Pasqua ebraica
Fonte: getty-images

Tra le feste più importanti del calendario ebraico c'è la festa di Pesach, ovvero la Pasqua ebraica, la prima delle tre grandi celebrazioni della tradizione ebraica. Con questa ricorrenza, il popolo ebraico festeggia la liberazione dalla schiavitù d'Egitto. Vediamo nel dettaglio quali sono le date della Pasqua ebraica 2024 e quali sono le principali caratteristiche di questa importante celebrazione.

Pasqua ebraica 2024: date

La Pasqua ebraica inizia al tramonto del quattordicesimo giorno di Nissan, mese del calendario ebraico che corrisponde al periodo compreso tra marzo e aprile e dura sette giorni in terra d'Israele e otto giorni fuori da Israele. Quest'anno la festa di Pesach si celebra dalla sera del lunedì 22 aprile fino alla sera del giorno martedì 30 aprile.

Pasqua ebraica: caratteristiche

Ecco alcune delle caratteristiche principali della Pasqua ebraica:

  • Preparazione per la Pasqua ebraica: in vista della festività, si procede con una completa e scrupolosa pulizia della casa per rimuovere ogni traccia di lievito e sostanze lievitate, proibite durante la ricorrenza. Da questa attività, sembrerebbe derivare anche il detto “pulizie di Pasqua”.
  • Seder: è la cena rituale che viene celebrata la prima sera e che segna l’inizio della festa di Pesach. Nel corso della cena vengono lette le fasi dell’Esodo dall’antico testo della Haggadah, in cui si narra l'uscita del popolo ebraico dall'Egitto. Durante la cena si seguono tradizioni e rituali, si consumano erbe amare, azzimo e vino, in onore delle gioie e delle avversità affrontate dagli ebrei. 
  • Matzah: è il pane azzimo senza lievito che si consuma nella Pasqua ebraica, in sostituzione al morbido pane di tutti i giorni. Il consumo di questa pietanza ricorda la fuga precipitosa degli ebrei liberati dall’Egitto, tale da non aver neanche il tempo di far lievitare il pane.
  • Riflessione e celebrazione familiare: Durante questa festa, le famiglie si riuniscono, ricordando e riflettono sulla storia e sulla spiritualità del popolo ebraico. Commentano e analizzano insieme gli eventi della liberazione dall’Egitto.

Approfondimenti

Leggi anche:

Un consiglio in più